Sindrome bronco-ostruttiva: cause, segni, diagnosi, aiuto, trattamento

La sindrome bronco-ostruttiva è un concetto che denota una combinazione di segni clinici causati da una violazione del passaggio del flusso d'aria attraverso l'albero bronchiale. Sotto l'influenza di fattori endogeni sfavorevoli o esogeni, la mucosa dei bronchi si infiamma, si gonfia, si forma un eccesso di muco che si accumula nel loro lume e si addensa. I bronchi grandi e piccoli si restringono, si contraggono e diventano impraticabili.

La sindrome da ostruzione bronchiale è comune in pediatria. Nei bambini, procede molto più difficile che negli adulti. Una condizione patologica è più spesso diagnosticata nei bambini più colpiti da infezioni respiratorie. Nei soggetti allergici, i segni di ostruzione bronchiale sono rilevati nel 50% di tutti i casi.

Fattori che influenzano lo sviluppo della sindrome:

  • SARS,
  • caratteristiche anatomiche e fisiologiche dell'organismo,
  • l'età,
  • ecologia,
  • condizioni sociali,
  • storia allergica familiare gravata.

La sindrome bronco-ostruttiva si manifesta con dispnea espiratoria o mista, attacchi di asma al mattino dopo una notte di sonno, respirazione rumorosa, retrazione dello spazio intercostale, tosse dolorosa con espettorato difficile da separare, tachipnea, dolore toracico, aggravata durante la tosse. La sindrome bronco-ostruttiva nei paesi di lingua inglese è chiamata sindrome da respiro sibilante. La durata di un attacco di ostruzione bronchiale varia da alcuni minuti a diverse ore.

Il trattamento della sindrome da ostruzione bronchiale ha lo scopo di eliminare le cause che lo hanno causato. I professionisti devono determinare quali sono le cause della sindrome e quindi prescrivere un trattamento. In alcuni pazienti, la sintomatologia della patologia scompare completamente sullo sfondo della terapia etiotropica, mentre in altri il processo progredisce o diventa cronico, si verifica una disabilità e si verifica persino la morte.

classificazione

Secondo la classificazione eziologica dell'ostruzione bronchiale è:

  1. Infettivo - in presenza di un'infezione batterica o virale nel corpo,
  2. Allergico - sullo sfondo di asma, pollinosi e bronchite allergica,
  3. Ostruttivo - blocco dei bronchi da secrezioni viscose o corpi estranei, broncolitiasi,
  4. Flusso emodinamico polmonare emodinamico,
  5. Ereditario - geneticamente determinato,
  6. Irritante - ustioni termiche e chimiche dei bronchi,
  7. Neurogenico - encefalite, isteria, sindrome post-concussione,
  8. Sostanza chimica tossica: avvelenamento con farmaci e sostanze chimiche
  9. Vegetativo - attivazione del nervo vago.

Dal tasso di danno:

  • mite - la presenza di respiro sibilante,
  • grado moderato - dispnea da sola a riposo, acrocianosi, tensione spaziale intercostale,
  • grado severo - lo stato generale di salute del paziente, cianosi, la respirazione rumorosa è disturbata,
  • ostruzione latente - assenza di segni clinici di patologia, test positivo con broncodilatatore.

eziologia

La sindrome bronco-ostruttiva è una manifestazione di varie malattie dell'apparato respiratorio, nervoso, digestivo e di altri organi.

  1. Infezione virale - adenovirale, influenza, parainfluenza, respiratoria sinciziale.
  2. Infezione batterica - micoplasma, tubercolosi, sifilitico.
  3. Patologia del sistema bronco-polmonare - infiammazione dei bronchi, bronchioli, polmoni, anomalie dello sviluppo degli organi respiratori, asma bronchiale, enfisema polmonare, atelettasia, BPCO.
  4. Malattie dell'apparato digerente - insufficienza dello sfintere inferiore dell'esofago, esofagite da reflusso, ulcera peptica, ernia diaframmatica.
  5. Anomalie congenite - paralisi cerebrale, atresia bronchiale, broncomalacia, fistola bronchobiliare, bronchiectasie congenite.
  6. Infezione con vari parassiti - vermi rotondi.
  7. Disturbi del sistema nervoso derivanti da traumi alla nascita.
  8. Malattie del cuore e dei vasi sanguigni - cardiopatia congenita, tromboembolismo polmonare, anomalie dello sviluppo.
  9. Disturbi endocrini, sistemici e immunitari - vasculite, immunodeficienza, iperplasia dei linfonodi regionali.
  10. Oncopathology.
  11. Lesioni traumatiche, ustioni, avvelenamento, effetti collaterali dei medicinali.

L'ostruzione bronchiale può essere causata dall'impatto negativo di fattori ambientali, tra cui acqua di scarsa qualità, radiazione solare, polvere, atmosfera inquinata con gas industriali. I fattori non specifici includono: ipotermia, sovratensione fisica, odori forti.

Il fumo passivo nella famiglia contribuisce anche all'ostruzione bronchiale nei bambini. Il fumo di tabacco provoca la distrofia delle ghiandole bronchiali e la distruzione della copertura epiteliale dei bronchi, sopprime la migrazione diretta dei neutrofili, rallenta la promozione del muco, riduce l'attività dell'immunità locale e generale.

Manodopera difficile o prematura, incapacità all'allattamento al seno, abuso di alcool da parte di una donna incinta, grave reazione del bronco agli stimoli esterni, insufficienza del peso corporeo del neonato, danno al SNC intrauterino, carenza di vitamina D, pianto frequente, primo anno di vita SARS - fattori che predispongono all'ostruzione bronchiale nei bambini

Le caratteristiche anatomiche e fisiologiche del corpo dei bambini contribuiscono allo sviluppo della sindrome bronco-ostruttiva. Nei bambini di età inferiore ai 3 anni, le vie respiratorie sono caratterizzate da una certa ristrettezza, il tessuto ghiandolare cede facilmente all'iperplasia, si forma più espettorato viscoso, insufficiente muscolatura liscia, indebolimento dell'immunità locale e generale, una speciale posizione del diaframma, bronchi flessibili del tratto bronchiale, strutture ossee elastiche del torace.

patogenesi

L'infiammazione della mucosa bronchiale è causata dall'azione di agenti biologici patogeni, allergeni, tossine. Sotto la loro influenza, i macrofagi sintetizzano i mediatori dell'infiammazione, viene attivata una cascata di reazioni immunitarie e l'istamina e la serotonina vengono rilasciate nel flusso sanguigno sistemico. La fase successiva dell'infiammazione è caratterizzata dalla sintesi di prostaglandine, trombossano, prostaciclina e leucotrieni. Sotto la loro influenza, aumenta la permeabilità vascolare, si verifica l'infiammazione locale della membrana mucosa, si gonfia, si formano muco vischioso, si sviluppa broncospasmo e si sviluppano i segni clinici della malattia.

sviluppo di asma bronchnoobstruktsii

La patogenesi della sindrome da ostruzione bronchiale:

  • Infiltrazione infiammatoria della mucosa bronchiale,
  • Violazione della pervietà dei bronchi,
  • Contrazione muscolare spasmodica,
  • Ispessimento del muco
  • La distruzione della copertura epiteliale,
  • Cambia la normale struttura dell'albero bronchiale,
  • Interruzione della difesa immunitaria, disfunzione del sistema macrofagico,
  • Ventilazione polmonare alterata,
  • Insufficienza respiratoria

sintomatologia

Sintomi clinici di patologia:

  1. Mancanza di respiro con espirazione,
  2. Forte respiro con fischio, respiro sibilante e rumore,
  3. Vampate di calore, tosse
  4. Espettorato viscoso al mercurio alla fine dell'attacco,
  5. Crepes orali,
  6. Sonagli di varie dimensioni uditi a distanza
  7. Intensità degli spazi intercostali durante la respirazione,
  8. Deficit di peso
  9. La disposizione orizzontale delle costole,
  10. Gabbia toracica sproporzionata
  11. vomito,
  12. Mal di testa,
  13. insonnia,
  14. iperidrosi,
  15. confusione,
  16. Posizione forzata dei malati,
  17. Akrozianoz.

La condizione generale dei pazienti è valutata come soddisfacente. I bambini diventano deboli, capricciosi, dormono e mangiano male, giocano un po 'e si trovano molto, respirano forte e ad alta voce. Sonagli e fischietti si sentono in lontananza. Nei casi più gravi, ci sono periodi di insufficienza respiratoria, mancanza di respiro, tosse dolorosa. Nel corso del tempo, questi bambini espandono e gonfiano gli spazi intercostali, il decorso delle costole diventa orizzontale.

diagnostica

La diagnosi delle malattie manifestate dall'ostruzione bronchiale inizia con uno studio della storia della vita e delle malattie, dei segni clinici, dei dati di ispezione visiva. Per confermare o confutare la presunta diagnosi, vai al laboratorio e ai metodi strumentali di ricerca.

Metodi per rilevare la patologia:

  • nel sangue periferico - segni aspecifici di infiammazione, eosinofilia con allergie,
  • immunogramma - determinazione del titolo di immunoglobuline G, M e IgA,
  • test allergologico - test antigraffio,
  • analisi del sangue per virus, vermi e batteri patogeni,
  • esame batteriologico del nasofaringe rimovibile,
  • nell'espettorato - eosinofili, spirali di Kurshman e cristalli di Charcot-Leiden,
  • broncografia,
  • L'esame a raggi X rivela l'espansione delle radici dei polmoni, segni di danni a certe aree, la presenza di tumori,
  • la spirografia fornisce una serie di indicatori che descrivono la ventilazione dei polmoni,
  • pneumotachometria - riduzione della portata espiratoria forzata,
  • angiografia,
  • ECG,
  • PCR,
  • TC e RM.

La diagnosi differenziale della sindrome ostruttiva bronchiale viene eseguita con polmonite, carcinoma polmonare, pertosse, asma bronchiale, BPCO, tubercolosi polmonare, malattia da reflusso.

trattamento

Se il bambino si ammala, è necessario chiamare un'ambulanza, sbottonare il colletto dei vestiti, calmare il bambino e non mostrare eccitazione, fornire aria fresca, dare una posizione comoda. Un antistaminico e pediluvi caldi aiuteranno ad alleviare la condizione.

Prima di procedere al trattamento dell'ostruzione bronchiale, è necessario determinare la causa alla radice e fare la diagnosi corretta. I bambini malati sono ricoverati in ospedale, dove hanno una terapia di broncodilatatore di emergenza. Il primo soccorso in caso di patologia consiste nella somministrazione per inalazione di broncodilatatori - "Berodual", "Atroventa", "Beroteca". Un bambino malato ha bisogno di 2 dosi per inalazione attraverso un distanziatore o nebulizzatore 3-4 volte al giorno. Con l'inefficacia della terapia inalatoria iniettata per via endovenosa "Eufillin" o flebo salino.

Dopo aver fornito assistenza di emergenza, ai pazienti vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci:

  1. Broncodilatatori - Eufillin, Aminofillin, simpaticomimetici - Fenoterol, Salbutamol.
  2. Antistaminici per eziologia allergica della sindrome - "Zodak", "Claritin", "Zyrtec".
  3. Erespal ha azione antinfiammatoria e mucolitica.
  4. Glucocorticosteroidi - "Pulmicort", così come "Prednisolone" in grave patologia.
  5. Mucolitici - Ambrobene, Lasolvan, acetilcisteina.
  6. Farmaci antitosse - Bronholitin, Mukopront.
  7. Immunostimolanti - "Bronhomunal", "Likopid".
  8. Farmaci antivirali - "Varteks", "Cycloferon".
  9. L'ossigenoterapia viene eseguita utilizzando cateteri nasali e una maschera speciale.

Per correggere la funzione di drenaggio dei bronchi a casa, è necessario seguire le raccomandazioni cliniche degli specialisti: umidificare l'aria nella stanza, massaggiare il torace, fare esercizi di respirazione terapeutica, sottoporsi a un ciclo di ossigenoterapia utilizzando cocktail di ossigeno. Se il bambino non ha la febbre, dovrebbe essere preso per una passeggiata. La saturazione del corpo con ossigeno e l'implementazione della ventilazione contribuiranno a fermare l'ulteriore sviluppo della sindrome. Mangiare sano, regolare aerazione della stanza, pulizia a umido sono necessari per una pronta guarigione.

La necessità di terapia antibatterica è risolta rigorosamente individualmente. Di solito, ai pazienti vengono prescritti antibiotici dal gruppo di beta-lattamici, macrolidi e fluorochinoloni - Amoxiclav, Azithromycin, Ofloxacin. Indicazioni per il loro uso: febbre per più di 3 giorni, mancanza di effetto da broncodilatatori, aumento dei fenomeni di intossicazione.

La sindrome bronco-ostruttiva nei bambini ha una prognosi grave. La bronchite acuta e la bronchiolite di solito si concludono con il recupero. In presenza di displasia broncopolmonare, la sindrome si trasforma spesso in asma bronchiale. Una grave forma di patologia sullo sfondo di una terapia prematura e impropria peggiora la qualità della vita dei pazienti e in casi particolarmente trascurati finisce con la morte.

Sindrome bronco-ostruttiva nei bambini: errori di trattamento

Nonostante il fatto che la frase "sindrome da bronco-ostruttiva" non sia familiare a tutti i genitori, la statistica afferma che ogni secondo bambino è apparso almeno una volta nella vita. Con un decorso lieve, a volte si presenta sotto l'apparenza di un comune raffreddore e talvolta passa senza alcun trattamento speciale. Sfortunatamente, questo non è sempre il caso e questa condizione serve come indicazione per l'ospedalizzazione quotidiana dei bambini negli ospedali del nostro paese, a volte anche nelle unità di terapia intensiva. Che cos'è la sindrome bronco-ostruttiva, come sospettare ciò e quali genitori dovrebbero sapere delle regole di base del suo trattamento? Dettagli in un nuovo articolo sul portale MedAboutMe.

Cos'è la sindrome bronco-ostruttiva

Il principale meccanismo di insorgenza della sindrome bronco-ostruttiva è il restringimento del lume dei bronchi di piccolo calibro, cioè quelli che si trovano nelle sezioni profonde del tratto respiratorio. Il più piccolo di essi sono i bronchioli, che si trovano vicino agli alveoli. Hanno un diametro molto piccolo e il loro restringimento porta rapidamente all'insufficienza respiratoria in un bambino.

Le ragioni principali del loro restringimento sono due: la presenza di un processo infiammatorio nella mucosa dei bronchi e dei bronchioli con accumulo di muco e spasmo delle cellule muscolari. Molto spesso sono presenti contemporaneamente. Non c'è modo di identificare direttamente quale di loro stia avvenendo in un bambino al momento dato, poiché non un singolo dispositivo di videoscopia può raggiungere i piccoli bronchi. Pertanto, il trattamento ha sempre lo scopo di eliminare entrambe queste cause, poiché una di esse provoca l'apparizione dell'altra.

Le statistiche affermano che fino al 50% dei bambini di età inferiore ai 3 anni almeno una volta soffrono di un episodio di ostruzione bronchiale. Se un bambino ha ereditarietà, per esempio, una madre o un padre soffre di bronchite ostruttiva, fuma o soffre di asma bronchiale, allora questa percentuale aumenta al 70%.

Quali malattie portano all'ostruzione bronchiale

L'ostruzione bronchea non è una diagnosi definitiva, ma solo un sintomo presente in varie malattie. Se parliamo di bambini, le cause più comuni sono la bronchite o la bronchiolite ostruttiva sullo sfondo di un'infezione virale respiratoria o l'asma bronchiale. Più rare sono le anomalie congenite della struttura dei bronchi, corpi estranei, difetti cardiaci e altri.

Molto spesso le infezioni virali, virali, adenovirali o parainfluenzali portano all'ostruzione bronchiale. Iniziano come un comune raffreddore, ma per 2-4 giorni di malattia i genitori si accorgono che il bambino ha una tosse secca, mancanza di respiro, respiro sibilante durante l'espirazione e altri sintomi estremamente allarmanti che non erano presenti in precedenza. La ragione è che le particelle virali, penetrando nel tratto respiratorio inferiore portano allo sviluppo di muco e spasmo allergico della parete muscolare dei bronchi. A poco a poco, con un trattamento adeguato, lo spasmo si attenua, l'espettorato inizia a recedere e il bambino si riprende.

Molte persone credono che l'asma sia una malattia degli adulti. Questo non è affatto il caso. Oggi i medici dicono che questa diagnosi può essere fatta anche a un bambino di 3 anni se ci sono sintomi e risultati degli esami che lo confermano. La bronchite ostruttiva frequente sullo sfondo delle malattie respiratorie è la principale causa di asma nell'infanzia. Ufficialmente, questa diagnosi può essere fatta dopo 3 episodi di ostruzione bronchiale entro 1 anno.

Come sospettare l'ostruzione bronchiale in un bambino

I sintomi di questa condizione sono piuttosto specifici e, dopo averlo visto una volta con il loro bambino, la prossima volta che i genitori hanno già correttamente determinato questa sindrome. Sfortunatamente, dopo essere apparso una volta, c'è un rischio molto alto che l'ostruzione bronchiale si ripresenti. Alcuni bambini "superano" con l'età: il lume anatomico dei bronchi aumenta e l'infezione virale smette di provocare un forte restringimento, ma il 15-25% dei bambini ha ancora vera asma bronchiale alla fine.

I principali sintomi di ostruzione bronchiale sono i seguenti.

  • Mancanza di respiro, che può verificarsi con pianto, esercizio fisico e talvolta a riposo.
  • L'aspetto del respiro affannoso e, precisamente, dell'espirazione.
  • I muscoli ausiliari sono inclusi nell'atto di respirazione: i muscoli intercostali che si estraggono mentre espiri, i muscoli del collo si stringono.
  • Nei casi più gravi, il bambino prende la posizione più comoda per se stesso, seduto su una sedia o in piedi, appoggiando le braccia nei braccioli.
  • Nella posizione prona, la condizione di solito peggiora.
  • Una tosse secca che non porta sollievo, ma a volte non esiste affatto.
  • Con grave ostruzione, cianosi della pelle intorno alla bocca, sotto il naso, possono verificarsi delle unghie sulle mani e sui piedi.

Inoltre, ci possono essere altri sintomi che dipendono dalla causa: febbre, naso che cola, debolezza, mancanza di appetito, mal di gola, ecc.

Quali farmaci sono necessari per l'ostruzione bronchiale e quali sono proibiti?

In alcuni bambini, questa condizione scompare senza alcun intervento, ma questo dipende dal grado di restringimento dei bronchi. Se non vi è una grave mancanza di respiro, ma solo rantoli secchi minori, il bambino generalmente si sente normale, quindi il trattamento si riduce alla terapia convenzionale delle infezioni virali respiratorie acute, ovvero, bere molta acqua, arieggiare la stanza, usando gocce nasali vasocostrittori e antipiretici durante la febbre. Ma così, sfortunatamente, non succede affatto.

I genitori stessi non possono sempre valutare il grado di insufficienza respiratoria, perché a volte la gravità della condizione non corrisponde al benessere del bambino: alcuni bambini con una grave mancanza di respiro si precipitano nell'appartamento, suonano e cantano canzoni. Pertanto, ogni sospetto di questa condizione richiede di chiamare un medico, un esame e analisi elementari. Spesso le esacerbazioni si verificano durante la notte, e talvolta i genitori spaventati chiamano un'ambulanza per un bambino, che anche durante il giorno si è divertito a giocare con le macchine e ad inseguire un cane.

Il trattamento dell'ostruzione bronchiale è principalmente quello di eliminare la sua causa - il restringimento del lume dei bronchi da parte di muco e spasmo. I seguenti farmaci sono usati per questo:

  • broncodilatatori per via inalatoria - Atrovent, Berotek, Berodual nella forma di soluzione per inalazione,
  • corticosteroidi per via inalatoria - Beclometasone, Pulmicort e altri anche sotto forma di soluzione per inalazione,
  • sciroppi broncodilatatori - Erespal, clenbuterolo, ecc.

Inoltre, le gocce nasali di vasocostrittore sono prescritte in modo che il naso che cola non esacerba la mancanza di respiro, febrifugal durante la febbre. È molto importante bere molti liquidi, perché aiuta a sciogliere l'espettorato più rapidamente e a ventilare la stanza, poiché la respirazione è più difficile in una stanza soffocante che in una fredda.

È rigorosamente impossibile applicare i seguenti metodi e farmaci per l'ostruzione bronchiale.

  • Espettorante - Lasolvan, Ambroxol, Bromhexin e altri: aumentano la produzione di espettorato, che letteralmente "inonda" i polmoni, portando ad un aumento dell'ostruzione bronchiale.
  • Qualsiasi inalazione di vapore caldo. Un tentativo di "respirare sulla casseruola" porta al fatto che i genitori devono chiamare un'ambulanza. Gonfiore mucoso, respiro corto aumenta.
  • Uso di routine di antibiotici. A volte, sullo sfondo della bronchite ostruttiva, la flora batterica secondaria si unisce effettivamente e questi farmaci sono necessari, ma questo non accade così spesso. In ogni caso, per identificarlo, è necessario un esame del sangue, è auspicabile una radiografia del torace.
  • Riposo a letto rigoroso Se il bambino si sente male - lui stesso non si alzerà dal letto. Tuttavia, l'attività fisica contribuisce all'accelerazione della produzione di espettorato, specialmente se il bambino respira aria fresca. Proibire a un bambino di giocare e correre in giro per l'appartamento non ne vale la pena.
  • L'uso di erbe, medicinali omeopatici, integratori alimentari, vitamine non ha nulla a che fare con il trattamento dell'ostruzione bronchiale.

La cosa più importante - il bambino deve osservare il medico. In relazione all'ostruzione bronchiale, è meglio essere al sicuro che assumersi la responsabilità di curarlo da soli. Qualsiasi comportamento "incomprensibile" del bambino, specialmente di notte, l'emergere di nuovi sintomi richiede di chiamare un'ambulanza, se stiamo parlando di un bambino sotto i 2 anni.

ASC Doctor - Sito Web su Pulmonology

Malattie polmonari, sintomi e trattamento degli organi respiratori.

Sindrome ostruttiva bronchiale

Sindrome bronco-ostruttiva (BOS) - un complesso di sintomi clinici, manifestato nel deterioramento della permeabilità all'aria attraverso i bronchi a causa del loro restringimento. Ciò aumenta la resistenza del sistema delle vie aeree e il paziente sviluppa un disturbo inspiratorio.

BOS si verifica nei bambini e negli adulti sotto l'influenza di varie malattie dell'apparato respiratorio e del cuore. Nei casi acuti, richiede sempre assistenza medica di emergenza. La sindrome bronco-ostruttiva non è una malattia indipendente: il suo codice ICD 10 è "malattia polmonare ostruttiva cronica non specificata" che non corrisponde esattamente alla condizione che i medici chiamano sindrome bronco-ostruttiva. Di solito accompagna l'asma bronchiale e la broncopneumopatia cronica ostruttiva. Il primo attacco si verifica spesso sullo sfondo della bronchite acuta.

prevalenza

La sindrome da ostruzione bronchiale ha il più grande significato clinico nei bambini piccoli. In questo caso, si sviluppa improvvisamente, e i genitori spesso non sanno come aiutare il bambino. La frequenza del biofeedback negli adulti è direttamente correlata al cattivo controllo dell'asma e al trattamento scorretto della BPCO, che è spesso causato da problemi economici e dal mancato rispetto delle raccomandazioni mediche.

La frequenza del biofeedback nei bambini in base a dati diversi varia dal 5 al 40% sullo sfondo delle infezioni respiratorie, in particolare la bronchite. Se ci sono casi di allergia nella famiglia, o il bambino stesso soffre di una tale malattia, quindi con il solito "freddo" la frequenza di BFB può raggiungere il 30 - 40%. Lo stesso vale per i bambini che soffrono di infezioni respiratorie acute più spesso 6 volte l'anno.

motivi

Il 92% dei casi di BOS nei bambini e negli adulti è associato a un'infezione virale:

  • respiratorio sinciziale - il più frequente (fino al 70% dei casi);
  • parainfluenza 1 ° e 3 ° tipo - si verifica nel 15% dei casi;
  • Adenovirus - si verifica nel 5% dei casi, ma causa le forme più gravi di ostruzione bronchiale e in più della metà dei casi porta allo sviluppo di ostruzione bronchiale cronica;
  • rhinovirus, patogeni di influenza, herpes, parotite, virus Coxsackie, citomegalovirus sono rari.

L'ostruzione bronchiale può verificarsi anche in un bambino piccolo.

Altre cause di ostruzione bronchiale:

  • l'asma bronchiale (sulle caratteristiche di questa malattia nei bambini può essere trovato qui);
  • infezione da micoplasmi, clamidia, funghi patogeni e pneumocisti;
  • difetti cardiaci e polmonari;
  • fibrosi cistica;
  • compressione dei bronchi, ad esempio, linfonodi ingrossati in broncoadenite tubercolare.

Fattori di rischio per la sindrome bronco-ostruttiva:

  • la minaccia di interruzione della gravidanza;
  • SARS a madre nel 1o trimestre;
  • preeclampsia;
  • parto complicato;
  • asfissia (soffocamento) del bambino durante il parto;
  • alimentazione artificiale precoce;
  • crescita e sviluppo indeboliti del bambino;
  • ingrandimento della ghiandola del timo;
  • uso irrazionale di antibiotici nei bambini;
  • reflusso gastroesofageo - lancio del contenuto dello stomaco nell'esofago;
  • iperreattività bronchiale mediata geneticamente;
  • cattive condizioni di vita del bambino, fumo passivo;
  • vivendo vicino a grandi fabbriche o autostrade.

La sindrome bronco-ostruttiva acuta nei bambini è molto più comune che negli adulti, a causa della struttura delle vie respiratorie:

  • un gran numero nella parete dei bronchi delle cellule caliciformi che secernono attivamente l'espettorato di muco;
  • alto contenuto di acido sialico nel muco, che aumenta la sua viscosità;
  • lume relativamente stretto dei bronchi;
  • sviluppo debole della muscolatura liscia dei bronchi, sostenendoli nella forma raddrizzata;
  • immunità locale insufficientemente sviluppata;
  • conformità della cartilagine della parete bronchiale;
  • insufficienza delle costole insufficiente.

Il meccanismo di sviluppo (patogenesi) della sindrome bronco-ostruttiva

Fattori per lo sviluppo della sindrome da ostruzione bronchiale

Si distinguono tre fattori di patogenesi: meccanica, immunologica e neuroreflex.

Fattore meccanico

Questo è edema della parete del bronco e eccessiva secrezione di muco. L'edema si presenta sotto l'azione di sostanze biologicamente attive, come l'istamina. In risposta a una lesione, le cellule immunitarie si precipitano nella parete del bronco e provocano infiltrazioni infiammatorie. I bronchi rispondono all'irritazione con uno spasmo delle loro pareti. Questi processi sono reversibili.

Esistono anche meccanismi irreversibili di ostruzione bronchiale, che sono quasi impossibili da influenzare con i farmaci:

  • cambiamento di proprietà (metaplasia) dell'epitelio dei bronchi;
  • proliferazione e aumento (ipertrofia) delle cellule ghiandolari;
  • collasso dei piccoli bronchi.

Fattore neuroriflesso

Il restringimento dei bronchi è associato all'attivazione del sistema nervoso parasimpatico. Fa parte del sistema nervoso autonomo, oltre che del simpatico. Il suo ruolo nel corpo è quello di regolare l'assorbimento dei nutrienti, inibendo l'attività dei processi metabolici. Pertanto, sotto l'azione del parasimpatico, i bronchi stretti, il battito del cuore rallenta e viene attivata la digestione.

Gli effetti del sistema nervoso parasimpatico sono realizzati attraverso i recettori nelle pareti dei bronchi:

  • I recettori H2-istamina aumentano la secrezione di muco;
  • I recettori H1-istamina aumentano la permeabilità vascolare e portano all'edema della parete bronchiale;
  • I recettori M-colinergici nelle cellule muscolari lisce delle pareti dei bronchi causano la loro contrazione e spasmo.

Il sistema nervoso simpatico è anche coinvolto nello sviluppo della sindrome da ostruzione bronchiale attivando i suoi alfa-adrenorecettori localizzati nella muscolatura liscia dei vasi bronchiali. Quando ciò accade, un forte spasmo vascolare e disturbi circolatori dei bronchi.

Le medicine che agiscono sui recettori sopra elencati sono usate per rimuovere i segni di BOS.

Fattore immunologico

Un tipo di immunoglobulina - IgE - è responsabile nel corpo per lo sviluppo di una reazione allergica. Con l'ostruzione bronchiale, si verifica un bridging - l'attaccamento delle sue due molecole a specifici mastociti che contengono molta istamina. Sotto l'influenza di una reazione a catena, la membrana del mastocita è danneggiata. Di conseguenza, oltre ai fattori meccanici e neuroriflessi, si aggiunge l'edema allergico.

Il ruolo dei virus nello sviluppo dell'ostruzione bronchiale

I virus sono coinvolti nell'attuazione di tutti e tre i meccanismi patogenetici.

Distruggono le cellule dell'epitelio bronchiale, con il risultato che le ciglia scompaiono, portando il muco in cima e si formano i tappi dell'espettorato. Nei casi più gravi, come risultato di ciò, la ventilazione dell'area polmonare sottostante è completamente interrotta e c'è un collasso - atelettasia.

L'epitelio distrutto diventa facilmente permeabile al fluido, che suda dai vasi e aumenta il gonfiore della mucosa.

I virus inibiscono l'effetto broncodilatatore dei recettori beta-2-adrenergici e aumentano il contenuto di istamina nell'espettorato. Ciò porta al fatto che la tendenza allo sviluppo del biofeedback continua anche dopo poche settimane dal trattamento della stessa ARVI. Infine, questi agenti patogeni inibiscono l'immunità locale.

classificazione

Per la natura del flusso, si distinguono la sindrome bronco-ostruttiva acuta (fino a 10 giorni), prolungata, recidiva, continuamente ricorrente e anche latente (asintomatica).

La gravità della sindrome bronco-ostruttiva:

opzioni

Ci sono tali opzioni per la sindrome bronco-ostruttiva:

  • allergica;
  • inalazione di corpi estranei;
  • aspirazione;
  • emodinamica

Sindrome ostruttiva bronco-ostruttiva

L'asma bronchiale in un bambino può comparire anche prima dell'età di 1 anno. Il primo attacco si verifica all'improvviso. È accompagnato dai seguenti sintomi:

  • fuori attacco, il bambino è attivo, mangia bene, non si lamenta di un mal di testa;
  • in lontananza si sente il respiro affannoso o suoni particolari che ricordano il lavoro di una sega;
  • mancanza di respiro con difficoltà, espirazione prolungata, il bambino come se spremesse l'aria;
  • la respirazione coinvolge i muscoli degli spazi intercostali, il diaframma, l'area intorno alla clavicola;
  • durante un attacco, il paziente "non trova un posto per se stesso", si preoccupa;

L'aiuto di emergenza è usare droghe per alleviare un attacco. Per il trattamento a lungo termine, è necessario selezionare la terapia di base da un allergologo.

Inalazione corpo estraneo

Pronto soccorso per inalazione di un oggetto estraneo

Di solito, i bambini inalano piccoli oggetti di età compresa tra 1 e 3 anni. In futuro, questo può portare a complicazioni - polmonite, bronchite, atelettasia del lobo polmonare, bronchiectasie. Per evitarli, un urgente bisogno di rimuovere un corpo estraneo con l'aiuto della broncoscopia, se le misure domestiche (a breve termine capovolte, battendo sulla schiena) non hanno effetto.

I principali sintomi di localizzazione di un corpo estraneo nella laringe:

  • mancanza di respiro;
  • mancanza di voce o raucedine;
  • tosse parossistica a spostamento dell'oggetto nella trachea;
  • soffocamento.

Se un corpo estraneo entra nel bronco, provoca un forte attacco di tosse, il vomito è possibile, dopo di che il bambino si calma. Tuttavia, entro 1 o 2 giorni sviluppa la polmonite.

Sindrome da bronco-ostruttiva da aspirazione

È causato dall'ingestione di contenuto estraneo quando viene espulso dallo stomaco nell'esofago e nella faringe, con una fistola tracheoesofagea, malformazioni dello sviluppo degli organi interni e ernia diaframmatica. I genitori devono prestare attenzione a questi sintomi:

  • frequente rigurgito nei neonati;
  • eruttazione, nausea, dolore toracico, vomito dopo la tosse;
  • tosse o soffocamento di notte;
  • aumento della tosse mentre si è sdraiati;
  • podkashlivanie prolungato dopo il completamento dell'attacco.

La base per il trattamento di tale condizione è l'uso di farmaci dietetici e anti-reflusso (acqua minerale alcalina cerrucal, senza gas, ecc.).

Ostruzione bronchiale per malattie cardiache

Varie malattie del cuore e dei vasi sanguigni possono essere accompagnate da mancanza di respiro e attacchi di dispnea. I genitori devono prestare attenzione a tali funzionalità aggiuntive:

  • sentendo nei polmoni umido, non solo sibilo secco;
  • battito cardiaco troppo frequente o lento, non corrispondente alla norma di età;
  • interruzioni nel lavoro del cuore;
  • appiattimento del torace su un lato (un segno di sottosviluppo di una delle arterie polmonari).

Diagnostica differenziale

Con la comparsa di ostruzione bronchiale, è importante determinare se il bambino soffre di asma o di bronchite ostruttiva, nonché di altre malattie più rare.

L'asma è più comune:

  • flusso parossistico;
  • affanno;
  • test cutanei positivi;
  • aumento dei livelli ematici di IgE;
  • normale FEV1 nello studio della funzione respiratoria al di fuori dell'attacco e il suo aumento di 2 volte o più nel campione con salbutamolo durante l'attacco.

La diagnosi di asma è fatta:

  • nei bambini di età superiore a 2 anni, se hanno avuto almeno 3 episodi di sindrome broncopolmonare, fermati da broncodilatatori;
  • nei bambini di qualsiasi età, se esiste una connessione diretta con l'allergene (ad esempio, peli di animali) e nessuna connessione con ARVI;
  • bambini di qualsiasi età, se avevano almeno un episodio di respiro sibilante, hanno altri sintomi di asma e almeno una risposta parziale ai broncodilatatori.

Per la bronchite acuta ostruttiva sono più caratteristici:

  • l'insorgenza della malattia con lo sviluppo di un episodio di sindrome bronco-ostruttiva;
  • prima che per diversi giorni ci fossero segni di ARVI;
  • mancanza di respiro con difficoltà espiratoria (espiratoria) appare gradualmente, a 3-4 giorni di malattia;
  • la prevalenza di rantoli bagnati e ronzanti;
  • sintomi pronunciati di ostruzione (tosse) sullo sfondo delle buone condizioni generali del bambino;
  • l'assenza di allergie nel bambino e nei suoi parenti;
  • mancanza di eosinofili nel sangue in grandi quantità;
  • valori normali di IgE nel sangue.

Segni di bronchiolite acuta:

  • in precedenza non c'erano segni di ARVI;
  • età fino a 6 mesi;
  • al momento dell'attacco - sintomi di ARVI;
  • grave condizione, frequenza respiratoria durante il sonno più di 60 al minuto;
  • rantoli spumeggianti nei polmoni;
  • sul roentgenogram - segni di distensione acuta del tessuto polmonare;
  • pieno recupero in 2 o 4 settimane.

Con la polmonite, ci sono tali segni:

  • inizio graduale della SARS;
  • aumento della temperatura persistente;
  • aumento dei livelli di ESR e di sangue dei leucociti;
  • segni radiologici di polmonite.

Malattie congenite del polmone (deficit di alfa1-antitripsina, fibrosi cistica, sindrome di Williams-Campbell, malattia polmonare polmonare, bronchiectasie) sono caratterizzate dai seguenti sintomi:

  • tosse e mancanza di respiro dai primi mesi;
  • prima comparsa di espettorato purulento;
  • sindrome bronco-ostruttiva ricorrente;
  • ritardo dello sviluppo, deformità toracica.

Altre rare condizioni in cui è possibile la sindrome bronco-ostruttiva:

  • Sindrome di Cartagener;
  • bronchiolite cronica, sindrome di Mac Leod;
  • malformazioni della trachea e dei bronchi;
  • tumori tracheali e bronchiali;
  • displasia broncopolmonare;
  • malattie del sistema nervoso, paralisi cerebrale, miopatia, encefalopatia.

diagnostica

Nei bambini di età inferiore ai 5-6 anni, la diagnosi viene effettuata sulla base di sintomi clinici. I bambini più grandi possono eseguire uno studio sulla funzione respiratoria.

Quando alla sindrome bronco-ostruttiva ricorrente viene assegnato un esame completo:

  • emocromo completo;
  • diagnosi sierologica (ELISA) di clamidia, CMV, herpes, infezioni pneumocistiche, toxocariasis, ascariasis;
  • il livello di IgE totali e specifiche, secondo le indicazioni - test allergologici.

Con la ripetizione persistente dell'ostruzione bronchiale, lo studio include:

Indicazioni per radiografia dei polmoni con sindrome bronco-ostruttiva:

  • sospetta complicazione BOS;
  • esclusione di polmonite;
  • sospetto di un corpo estraneo;
  • sindrome bronco-ostruttiva ricorrente.

Nell'ospedale possono essere utilizzati metodi diagnostici più complessi:

trattamento

La terapia viene effettuata a seconda della malattia di base. Mostrata modalità di risparmio, nutrizione, aumentare la quantità di assunzione di liquidi. Tutti i farmaci devono essere prescritti da un medico.

Broncodilatatori meglio entrare attraverso il nebulizzatore

Trattamento di emergenza per la bronchite ostruttiva:

  • inalazione con eufilina, soluzione di soda al 2%, soluzione salina;
  • inalazione di ossigeno umidificato;
  • si alternano ogni 2 o 4 ore.

Secondo la prescrizione del medico, questi farmaci sono dati: eufillina, lasolvan, bromhexin, tavegil.

Con un corpo estraneo nei bronchi: mantenere il bambino in posizione verticale, chiamare un'ambulanza.

Con un attacco d'asma:

  • fornire l'accesso aereo;
  • calmare il bambino;
  • fare un bagno caldo ai piedi;
  • introdurre attraverso l'inalatore o nebulizzatore broncodilatatori precedentemente selezionati (beroduale, asmatico);
  • dare suprastin, bromhexin, acetylcysteine, bevanda abbondante;
  • con l'inefficacia di queste misure, chiamare urgentemente un'ambulanza.

In caso di condizione seria del paziente, non è necessario passare il tempo su procedure indipendenti, è meglio chiamare immediatamente un dottore che può iniettare i farmaci necessari per via endovenosa.

Note del pediatra

Blog medico pediatrico

Sindrome bronco-ostruttiva nei bambini

La sindrome bronco-ostruttiva nei bambini è una patologia abbastanza comune.
Ci sono molte malattie che sono accompagnate da questa sindrome. Può verificarsi nelle malattie dell'apparato respiratorio, patologia dell'apparato cardiovascolare, intossicazione, malattie del sistema nervoso centrale, anomalie del metabolismo ereditario, ecc. (Circa 100 malattie).

Nella sindrome ostruttiva bronchiale, vi è una violazione della pervietà bronchiale dovuta al restringimento o occlusione delle vie respiratorie.

La predisposizione all'ostruzione nei bambini è associata alle loro caratteristiche anatomiche e fisiologiche:
• Bronchi nei bambini di diametro inferiore rispetto agli adulti, che porta ad un aumento della resistenza aerodinamica;
• La cartilagine dell'albero bronchiale è più malleabile rispetto agli adulti;
• Il torace presenta una rigidità insufficiente, che porta a una significativa retrazione dei siti conformi (fossa superiore e subclavica, sterno, spazi intercostali);
• Nella parete bronchiale più che nelle cellule caliciformi adulte. Questo porta a più secrezione di muco;
• Edema rapidamente sviluppante della mucosa bronchiale, in risposta a varie sostanze irritanti;
• La viscosità delle secrezioni bronchiali è aumentata, rispetto agli adulti (a causa dell'aumentata quantità di acido sialico);
• Bassa ventilazione collaterale;
• Il sistema della muscolatura liscia dei bronchi è poco sviluppato;
• Riduzione della formazione di interferoni nelle vie aeree, secretoria e siero immunoglobulina A.

Per le attività pratiche, data l'eziologia di questo complesso di sintomi, l'ostruzione bronchiale può essere suddivisa in 4 opzioni:
• Variante infettiva che si sviluppa a causa dell'infiammazione virale o batterica dei bronchi (bronchite ostruttiva, bronchiolite);
• Variante allergica, quando il broncospasmo prevale sui fenomeni infiammatori (asma bronchiale);
• Opzione ostruttiva: si verifica quando si aspirano corpi estranei.
• La variante emodinamica può verificarsi con la cardiopatia quando si sviluppa un'insufficienza cardiaca ventricolare sinistra.

In pratica, le più comuni sono le prime due opzioni.
Pertanto, li consideriamo in modo più dettagliato.

La sindrome bronco-ostruttiva di origine infettiva si manifesta con bronchite ostruttiva e bronchiolite. L'eziologia è virale o virale-batterica.
Tra i virus, il ruolo principale appartiene ai virus respiratori sinciziali (nella metà dei casi), adenovirus, virus parainfluenzale. Tra i batteri - micoplasma, clamidia.

Una caratteristica di questo tipo di ostruzione è la predominanza di edema, infiltrazione e ipersecrezione della mucosa sul broncospasmo.

Nella bronchite ostruttiva, la sindrome bronco-ostruttiva si sviluppa 2-4 giorni dopo l'insorgenza di un'infezione virale respiratoria. Dispnea di carattere espiratorio, respiro affannoso distante, comparsa di respirazione rumorosa. Perkutorno su suono in scatola leggera. Esalazione auricolare prolungata, fischio secco diffuso, rantoli ronzanti su entrambi i lati. In giovane età, sono possibili rantoli bagnati variegati.

I bambini fino a 2 anni soffrono di bronchiolite (di solito fino a 6 mesi). Quando la bronchiolite colpisce i bronchioli e i piccoli bronchi. Caratterizzato da grave insufficienza respiratoria II-III grado. Tachypia, acrocianosi. Durante l'auscultazione, c'è un'abbondanza di rantoli umidi e spumeggianti su entrambi i lati. La sindrome di intossicazione non è pronunciata.
L'aumento radiologico marcato nel modello polmonare, la posizione orizzontale delle costole, l'espansione degli spazi intercostali, la cupola del diaframma è omessa.

La bronchiolite obliterante è una malattia grave che ha un andamento ciclico. La sua causa è prevalentemente l'infezione adenovirale (può verificarsi anche con pertosse e morbillo). I bambini sotto i 3 anni sono malati. Il periodo acuto procede come al solito con la bronchiolite, ma con disturbi respiratori più pronunciati. L'ostruzione a lungo termine (fino a 2 settimane) può persino aumentare. Tipicamente sul roentgenogram - "ombre di cotone".
Nel secondo periodo, la condizione migliora, ma l'ostruzione viene mantenuta, periodicamente intensificata, come in un attacco asmatico. Il fenomeno del "polmone super-trasparente" si sta formando. Il trattamento è molto difficile.

La sindrome bronco-ostruttiva di origine allergica si verifica nell'asma bronchiale. L'ostruzione è dovuta principalmente allo spasmo dei bronchi e dei bronchioli e, in misura minore, ad edema e ipersecrezione della mucosa dell'albero bronchiale. Esiste una storia di storia allergica (dermatite allergica, rinite allergica, ecc.) Le ostruzioni di ostruzione sono associate alla presenza di un allergene e non sono associate a infezione. La somiglianza degli attacchi e la loro ricorrenza sono caratteristiche.

Clinicamente nessun segno di intossicazione. L'attacco si verifica il primo giorno di malattia e viene rimosso in brevi righe (entro pochi giorni). Durante un attacco, dispnea espiratoria che coinvolge i muscoli ausiliari. Auscultatoria il numero di respiro sibilante più che bagnato. In broncospasmo grave, respiro indebolito nel polmone inferiore. C'è un buon effetto sui broncospasmolitici.

In alcuni bambini che hanno sofferto di ostruzione a causa di un'infezione virale, l'ostruzione bronchiale può prendere un decorso recidivante.

Il motivo della ricorrenza potrebbe essere:
• Sviluppo di iperattività bronchiale (la causa più comune);
• Esordio dell'asma bronchiale;
• La presenza di malattie polmonari croniche latenti (come la fibrosi cistica, le malformazioni broncopolmonari).

Il bronco iperattivo si sviluppa in più della metà dei bambini che hanno avuto un'infezione virale o una polmonite con sindrome ostruttiva. Questo stato di iperattività può persistere da una settimana a diversi mesi (3-8 mesi).
Si noti che la recidiva dell'ostruzione nei bambini sotto i 6 mesi. - Questo è molto probabilmente l'iperattività dei bronchi, fino a 3 anni, quindi questo è l'inizio dell'asma.

Trattamento dell'ostruzione bronchiale.
Le principali direzioni nel trattamento dell'ostruzione bronchiale nei bambini dovrebbero includere:
1. Migliorare la funzione di drenaggio dei bronchi;
2. Terapia con broncodilatatori;
3. Terapia antinfiammatoria.

1. Per migliorare la funzione di drenaggio dei bronchi è necessario effettuare:
• reidratazione;
• terapia mucolitica;
• drenaggio posturale;
• massaggio;
• esercizi di respirazione.

La terapia mucolitica viene effettuata tenendo conto della quantità di espettorato, la gravità del processo, l'età del bambino, il cui scopo principale è quello di assottigliare l'espettorato, aumentare l'efficacia della tosse.

Nei bambini con tosse improduttiva e espettorato spesso, si raccomanda l'inalazione e la somministrazione orale di mucolitici. Ambroxol (Lasolvan, Ambrobene) sono considerati i migliori di questi. Hanno effetti mucolitici, mucocinetici, aumentano la sintesi di solfatante, basso allergene.

Nei bambini con ostruzione bronchiale da lieve a moderata, può essere usata acetilcisteina.

Con abbondante secrezione bronchiale, si raccomandano preparazioni di carbocisteina che hanno un effetto mucoregolatorio.

Nei bambini con tosse ossessiva con una mancanza di espettorato, possono essere usati farmaci espettoranti (rimedi erboristici). Sono prescritti con cautela nei bambini con allergie. È usato decotto di farfara, sciroppo di platano.

È possibile combinare i mucolitici e i farmaci espettoranti.
Nei casi gravi di ostruzione bronchiale nel primo giorno non sono prescritti mucolitici.

Tutti i pazienti con sindrome bronco-ostruttiva escludono i farmaci antitosse.

I farmaci combinati con effedrina (solutan, bronholitin) devono essere prescritti con cautela. Possono essere utilizzati solo in caso di sovrapproduzione di abbondanti secrezioni bronchiali, poiché l'effedrina ha un effetto di secchezza.

2. Terapia con broncodilatatore.

A tal fine, i bambini usano:
• antagonisti ad azione rapida b2;
• agenti anticolinergici;
• preparazioni di teofillina a breve durata d'azione e loro combinazione.

Gli antagonisti a breve durata d'azione per b2 includono Salbutamolo (Ventolin), Fenoterolo e altri, sono i farmaci di scelta per alleviare l'ostruzione acuta. Quando si utilizza un nebulizzatore, danno un effetto rapido. Assegnali 3 volte al giorno.

Questi sono farmaci altamente selettivi e quindi i loro effetti collaterali sono minimi. Tuttavia, con il loro uso incontrollato e prolungato, può verificarsi un aumento della iperattività bronchiale (ridotta sensibilità ai recettori b2).

In un grave attacco ostruttivo, è possibile effettuare inalazioni con Ventolin attraverso un nebulizzatore per 3 volte per un'ora (ogni 20 minuti). Questa è la cosiddetta "terapia dell'ambulanza".

Vengono anche usati farmaci anticolinergici (bloccanti del recettore muscarinico M3). Questi includono - Atrovent (Ipratroprium Bromide). Viene dosato da 8 a 20 gocce attraverso un nebulizzatore 3 volte al giorno.

Nei bambini piccoli, l'effetto terapeutico dei farmaci anticolinergici è leggermente migliore di quello degli antagonisti dell'azione breve b2. Ma la loro portabilità è in qualche modo peggiore.

I farmaci combinati sono ampiamente utilizzati, che includono agenti che agiscono su questi due tipi di recettori. Questo è Berodual, che include - Ipratroprium bromuro e fenoterolo. Agiscono in modo sinergico, il che dà un buon effetto. Berodual è nominato - 1kap. per kg (dose singola) 3 p. al giorno

Le teofilline a breve durata d'azione includono - aminofillina. È ampiamente usato per il sollievo dell'ostruzione bronchiale nei bambini. La sua applicazione ha lati positivi e negativi.

Aspetti positivi includono: efficienza abbastanza elevata; basso costo; facilità d'uso;
Ai lati negativi - un gran numero di effetti collaterali.

La ragione principale che limita l'uso di aminofillina è la vicinanza della dose terapeutica e tossica. Ciò richiede il controllo del farmaco nel plasma sanguigno (una concentrazione di 8-15 mg per litro è ottimale). Aumentare la concentrazione di oltre 16 mg per litro può portare a effetti indesiderati: nausea, vomito, sviluppo di aritmie, tremore, agitazione.

Soprattutto è necessario applicare con attenzione aminofillina nei bambini che assumono macrolidi (la clearance di aminofillina rallenta). Tuttavia, anche le dosi terapeutiche possono portare a complicanze.

Ora l'aminofillina si riferisce ai farmaci di seconda linea. Viene usato quando non vi è alcun effetto di antagonisti ad azione rapida b2 e farmaci anticolinergici. Nei gravi attacchi di ostruzione, il farmaco viene somministrato a una dose di 4-6 mg / kg ogni 6-8 ore.

3. Terapia antinfiammatoria.

L'obiettivo di questa terapia è ridurre l'attività del processo infiammatorio nei bronchi.
Erespal (fenspiril) appartiene ai preparativi di questo gruppo.

Il suo effetto anti-infiammatorio è il seguente:
• Blocchi N-1 istamina e recettori alfa-adrenergici;
• Riduce il numero di leucotrieni;
• Riduce il numero di mediatori dell'infiammazione;
• Sopprime la migrazione delle cellule infiammatorie.

Erespal, oltre alla sua azione antinfiammatoria, riduce l'ipersecrezione di muco e ostruzione bronchiale. È il farmaco di scelta per l'ostruzione bronchiale nei bambini piccoli di genesi infettiva. È stato notato un buon effetto nel prescrivere il farmaco fin dai primi giorni della malattia.

Nei processi ostruttivi gravi, con bersagli anti-infiammatori, vengono utilizzati glucocorticoidi. La loro somministrazione per inalazione è preferita, in quanto è altamente efficace e meno pericolosa. L'introduzione di Pulmicort tramite un nebulizzatore è raccomandata 1-2 volte al giorno alla dose di 0,25-1 mg. È meglio quando l'inalazione viene effettuata 20 minuti dopo l'inalazione di broncodilatatore. La durata della terapia è di solito 5-7 giorni.

I corticosteroidi parenterali sono usati per bronchiolite e stato asmatico. La dose abituale di 2 mg per kg al giorno per prednisone. Con una dose di bronchiolite di 5-10 mg / kg al giorno in 4 dosi (ogni 6 ore), senza tenere conto del ritmo giornaliero.

Gli antistaminici sono usati solo in presenza di malattie allergiche.

Il trattamento etiotropo è l'uso della terapia antivirale e antibatterica.

Gli antibiotici dovrebbero essere usati se indicati nei seguenti casi:
• Ipertermia, che dura più di 3-5 giorni;
• Quando non c'è effetto dal trattamento;
• asimmetria sibilante;
• La presenza di tossicosi, specialmente quando è in aumento;
• Presenza di espettorato purulento;
• Presenza di ipossia;
• Leucocitosi, spostamento dei leucociti a sinistra, aumento del SOY, neutrofilia.

In caso di insufficienza respiratoria, l'ossigenoterapia viene effettuata attraverso una maschera o cateteri nasali.

In conclusione, vorrei sottolineare che ora la terapia del nebulizzatore è ampiamente utilizzata nel trattamento della sin- cronica broncopolmonare. Con questa terapia inalatoria, è possibile fornire assistenza di emergenza per l'ostruzione in breve tempo, senza ricorrere alla somministrazione parenterale di farmaci.

Sindrome ostruttiva bronchiale

Pediatria №4, 2005

SINDROME OSTRUTTIVA DI BRONCHO NEI BAMBINI

Dipartimento di malattie infantili N 1, Università medica statale russa, Mosca

Definizione. La sindrome bronco-ostruttiva (BOS) o la sindrome da ostruzione bronchiale è un complesso di sintomi associato a compromissione della pervietà bronchiale di origine funzionale o organica. Le manifestazioni cliniche del BFR consistono in espirazione allungata, comparsa di rumore espiratorio (respiro sibilante, respirazione rumorosa), attacchi d'asma, partecipazione di muscoli ausiliari all'atto della respirazione e spesso si sviluppa una tosse improduttiva. Con grave ostruzione bronchiale, possono manifestarsi un'espirazione rumorosa, un aumento della frequenza respiratoria, lo sviluppo della fatica muscolare respiratoria e una diminuzione della PaO.2. Nella letteratura in lingua inglese, questo complesso di sintomi clinici è stato chiamato dispnea, sindrome da respiro sibilante [1,2], poiché i suoni sibilanti, distanti o uditi durante l'auscultazione, sono il principale sintomo clinico di BOS.

Tuttavia, il termine "sindrome bronco-ostruttiva" non può essere usato come diagnosi indipendente. Va tenuto presente che BOS è di natura molto eterogenea e può essere una manifestazione di molte malattie.

Epidemiologia. BOS è abbastanza comune nei bambini, soprattutto nei bambini dei primi 3 anni di vita. L'insorgenza e lo sviluppo di BOS sono influenzati da vari fattori e, soprattutto, da infezioni virali respiratorie [3-7]. Ad oggi, non ci sono dati chiari sulla prevalenza di BFB in varie patologie broncopolmonari di bambini, ma la più alta frequenza di BOS è osservata nei bambini in età prescolare, che è dovuta alle caratteristiche anatomiche e fisiologiche del corpo durante questo periodo. L'incoerenza delle informazioni sulla frequenza e la struttura del biofeedback è dovuta alla mancanza di un approccio unificato alla diagnosi differenziale, all'interpretazione dell'etnologia e della patogenesi. È ovvio che la frequenza dello sviluppo del biofeedback dipende non solo dall'età dei bambini, ma anche da molti altri fattori - ambientali, epidemiologici, sociali e altro.Inoltre, il biofeedback non è sempre fissato nella diagnosi finale e in questo caso non è soggetto a contabilità statistica. Allo stesso tempo, la frequenza di opzioni di biofeedback gravi e / o recidivanti, di norma, che richiedono il ricovero in ospedale e la terapia farmacologica attiva è di maggiore interesse.

La frequenza dello sviluppo del biofeedback, sviluppato sullo sfondo delle malattie infettive delle basse vie respiratorie, nei bambini piccoli è, secondo diversi autori, dal 5% al ​​40% [2, 3, 8-11]. Nei bambini con una storia familiare di allergia gravata, la BOS di solito si sviluppa più spesso (nel 30-40% dei casi). Questo è anche caratteristico di bambini che spesso (più di una volta all'anno) soffrono di infezioni respiratorie.

Secondo i nostri dati [4], la frequenza dei biofeedback tra l'intero contingente di giovani sale da ballo (da 3 mesi a 3 anni) ospedalizzati nei reparti somatici e infettivi dell'ospedale clinico per bambini a 1000 letti Morozov (MDGCH) è aumentata nell'ultimo decennio a partire da 9.7 % al 16,1%. Nei bambini con malattie infettive acute del tratto respiratorio inferiore, il BFB è stato riscontrato nel 34% dei pazienti e con la bronchite 3 volte più spesso che con la polmonite. Gli episodi ripetuti di biofeedback erano poco meno della metà dei bambini ospedalizzati, la maggior parte di loro aveva più di 1 anno. Considerando che l'MDHCB è un paziente di città, che esegue sia l'ospedalizzazione pianificata sia il ricovero in ospedale di bambini in ambulanza, la tendenza identificata molto probabilmente riflette un aumento generale della frequenza del biofeedback nei bambini piccoli.

Fattori di rischio per lo sviluppo del biofeedback. Predisposizione di fattori anatomici e funzionali per lo sviluppo del biofeedback nei bambini piccoli sono iperplasia del tessuto ghiandolare, la secrezione di espettorato prevalentemente viscoso, dansistema operativoeristrettezza del tratto respiratorio stretto, volume del muscolo meno liscio, bassa ventilazione collaterale, deficienza immunitaria locale, caratteristiche della struttura del diaframma.

La maggior parte dei ricercatori riconosce l'influenza di fattori di fondo premorboso sullo sviluppo del biofeedback. Questa è una storia allergica aggravata, predisposizione ereditaria all'atopia, iperreattività bronchiale, patologia perinatale, rachitismo, ipotrofia, iperplasia del timo, alimentazione artificiale precoce e una malattia respiratoria pregressa all'età di 6-12 mesi.

Tra i fattori ambientali che possono portare allo sviluppo del biofeedback, particolare importanza è attribuita alle condizioni ambientali sfavorevoli, al fumo passivo in famiglia. Sotto l'influenza del fumo di tabacco, l'ipertrofia delle ghiandole mucose bronchiali si verifica, la clearance mucociliare è disturbata e il progresso del muco viene rallentato. Il fumo passivo contribuisce alla distruzione dell'epitelio dei bronchi. Il fumo di tabacco è un inibitore della chemiotassi dei neutrofili. Il numero di macrofagi alveolari sotto la sua influenza aumenta, ma la loro attività fagocitaria diminuisce. In caso di esposizione prolungata, il fumo di tabacco colpisce il sistema immunitario, riduce l'attività dei linfociti T, inibisce la sintesi degli anticorpi delle principali classi, stimola la sintesi delle immunoglobuline E, aumenta l'attività del nervo vago. I bambini del primo anno di vita sono considerati particolarmente vulnerabili.

Anche l'alcolismo dei genitori ha un certo effetto. È stato dimostrato che l'atonia di bronchi si sviluppa nei bambini con fetopatia alcolica, la clearance mucociliare è compromessa, lo sviluppo di reazioni immunologiche protettive è inibito.

Pertanto, le caratteristiche legate all'età del sistema respiratorio, che sono caratteristiche dei bambini dei primi anni di vita, svolgono un ruolo importante nello sviluppo di BOS nei bambini. Fattori quali il sonno più lungo, il pianto frequente e la permanenza preferenziale alla schiena nei primi mesi di vita hanno anche un'influenza indiscussa sulla disfunzione degli organi respiratori in un bambino piccolo.

L'eziologia. Le ragioni dello sviluppo del biofeedback nei bambini sono molto diverse e numerose. Allo stesso tempo, il debutto di BOS nei bambini, di regola, sullo sfondo delle infezioni virali respiratorie acute e nella stragrande maggioranza dei pazienti è una delle manifestazioni cliniche di bronchite acuta o bronchiolite. Le infezioni respiratorie sono la causa più comune di BOS nei bambini durante i primi 3 anni di vita. Allo stesso tempo, è necessario tener conto che lo sviluppo di BOS sullo sfondo di ARVI può mascherare la manifestazione della malattia sottostante. Quindi, secondo la letteratura, nei bambini piccoli, l'asma bronchiale (BA) è una variante di BOS nel 30-50% dei casi [1, 10, 13).

Nei neonati, l'aspirazione causata da deglutizione alterata, anomalie congenite del rinofaringe, fistola tracheo-bronchiale, reflusso gastroesofageo può spesso diventare la causa del BOS. Malformazioni della trachea e dei bronchi, sindrome da distress respiratorio, fibrosi cistica, displasia broncopolmonare, stati di immunodeficienza, infezioni intrauterine, presenza di fumo di tabacco nell'aria (fumo passivo) sono anche cause di BOS nei bambini del primo anno di vita. Nel secondo e terzo anno di vita, manifestazioni cliniche di BOS possono verificarsi prima nei bambini con asma, aspirazione di un corpo estraneo, migrazione di vermi rotondi, fodera bronchite, in pazienti con malattie respiratorie congenite ed ereditarie, in bambini con difetti cardiaci che si verificano con ipertensione polmonare e et al.

Patogenesi. La formazione di ostruzione bronchiale dipende in gran parte dall'eziologia della malattia che ha causato il biofeedback. Nella genesi dell'ostruzione bronchiale vi sono vari meccanismi patogenetici che possono essere suddivisi in funzionali o reversibili (broncospasmo, infiltrazione infiammatoria, edema, insufficienza mucociliare, ipersecrezione di muco viscoso) e irreversibili (stenosi congenita dei bronchi, loro obliterazione, ecc.). Segni fisici in presenza di ostruzione bronchiale dovuti al fatto che per la produzione di esalazione richiede una maggiore pressione intratoracica, che è garantita dal lavoro potenziato dei muscoli respiratori. L'aumento della pressione intratoracica contribuisce alla compressione dei bronchi, che porta alla loro vibrazione e alla comparsa di fischi. Alcuni autori hanno suggerito la funzione protettiva del biofeedback durante l'infezione del tratto respiratorio. Si ritiene che il restringimento dei piccoli bronchi sia accompagnato da un forte aumento della velocità dell'aria in essi, il che contribuisce a una migliore depurazione dell'albero bronchiale e alla protezione delle divisioni sottostanti dalla penetrazione di microrganismi [9]. Tuttavia, questa opinione sembra controversa. La regolazione del tono bronchiale è controllata da diversi meccanismi fisiologici, comprese le interazioni complesse del livello di cellule recettore e il sistema dei mediatori. Questi includono i sistemi di regolazione colinergici, adrenergici e neuroumorali (non colinergici, non-adrenergici) e, ovviamente, lo sviluppo dell'infiammazione [5, 14].

L'infiammazione è un fattore importante nell'ostruzione bronchiale nei bambini e può essere causata da effetti infettivi, allergici, tossici, fisici e neurogenici. Il mediatore che inizia la fase acuta dell'infiammazione è l'interleuchina1 (IL1). Viene sintetizzato dalle cellule fagocitiche e dai macrofagi dei tessuti quando esposto a fattori infettivi o non infettivi e attiva una cascata di reazioni immunitarie che promuovono il rilascio di mediatori di tipo 1 (istamina, serotonina, ecc.) Nel sangue periferico. Questi mediatori sono costantemente presenti nei granuli di mastociti e basofili, che assicurano i loro effetti biologici molto rapidi durante la degranulazione delle cellule del produttore. L'istamina viene solitamente rilasciata durante una reazione allergica quando l'allergene interagisce con gli anticorpi IgE specifici agli allergeni. Tuttavia, la degranulazione dei mastociti e dei basofili può anche essere causata da meccanismi non immuni, compresi quelli infettivi. Oltre all'istamina, i mediatori del tipo 2 (eicosanoidi), generati durante la reazione infiammatoria precoce, svolgono un ruolo importante nella patogenesi dell'infiammazione. La fonte degli eichosanoidi è l'acido arachidonico, che è formato dai fosfolipidi della membrana cellulare. Sotto l'azione della cicloossigenasi (COX), le prostaglandine (PG), il tromboxano e la prostaciclina sono sintetizzate dall'acido arachidonico e i leucotrieni sono sintetizzati dall'azione della lipossigenasi. È con istamina, leucotrieni e PG proinfiammatorio che sono associati ad una maggiore permeabilità vascolare, alla comparsa di edema della mucosa bronchiale, all'ipersecrezione di muco viscoso, allo sviluppo di broncospasmo e, di conseguenza, alla formazione di manifestazioni cliniche di BOS. Inoltre, questi eventi iniziano lo sviluppo di una reazione infiammatoria tardiva, contribuendo allo sviluppo di iperreattività e alterazione (danno) dell'epitelio della mucosa respiratoria [5, 15. 16].

I tessuti danneggiati hanno una maggiore sensibilità dei recettori bronchiali a influenze esterne, incluse infezioni virali e sostanze inquinanti, che aumentano significativamente la probabilità di sviluppare broncospasmo. Inoltre, citochine proinfiammatorie (IL8 e altri) sono sintetizzate in tessuti danneggiati, neutrofili, basofili, eosinofili degranulate, con conseguente aumento delle concentrazioni di tali sostanze biologicamente attive come bradichinina, istamina, radicali liberi di ossigeno e NO, che sono anche coinvolti nello sviluppo l'infiammazione. Quindi, il processo patologico acquisisce il carattere di "ripidezza chiusa" e predispone al decorso prolungato dell'ostruzione bronchiale e della superinfezione.

L'infiammazione è il principale legame patogenetico nello sviluppo di altri meccanismi di ostruzione bronchiale, come l'ipersecrezione del muco viscoso e il gonfiore della mucosa dei bronchi.

La violazione della secrezione bronchiale si sviluppa con qualsiasi effetto avverso sul sistema respiratorio e, nella maggior parte dei casi, è accompagnata da un aumento della quantità di secrezione e un aumento della sua viscosità. L'attività delle ghiandole mucose e sierose è regolata dal sistema nervoso parasimpatico, l'acetilcolina stimola la loro attività. Tale reazione è inizialmente protettiva. Tuttavia, il ristagno del contenuto bronchiale porta a una violazione della ventilazione e della funzione respiratoria dei polmoni e l'inevitabile infezione porta allo sviluppo di un'infiammazione endobronchiale o broncopolmonare. Inoltre, una secrezione densa e vischiosa prodotta, oltre a inibire l'attività ciliare, può causare l'ostruzione bronchiale a causa dell'accumulo di muco nelle vie aeree. Nei casi gravi, i disordini di ventilazione sono accompagnati dallo sviluppo di atelettasia.

L'edema e l'iperplasia della mucosa respiratoria sono anche una delle cause dell'ostruzione bronchiale. I sistemi linfatici e circolatori sviluppati del tratto respiratorio del bambino gli forniscono molte funzioni fisiologiche. Tuttavia, nelle condizioni di patologia caratteristica dell'edema è l'ispessimento di tutti gli strati della parete bronchiale - lo strato sottomucoso e mucoso, la membrana basale, che porta a una violazione della pervietà bronchiale. In caso di malattie broncopolmonari ricorrenti, la struttura dell'epitelio è disturbata, si notano iperplasia e metaplasia squamosa.

Il broncospasmo, ovviamente, è una delle principali cause di BOS nei bambini più grandi e negli adulti. Allo stesso tempo, ci sono indicazioni nella letteratura che i bambini piccoli, nonostante il debole sviluppo del sistema della muscolatura liscia bronchiale, possono a volte dare un tipico broncospasmo clinicamente espresso. Allo stato attuale, sono stati studiati diversi meccanismi della patogenesi del broncospasmo, realizzati clinicamente sotto forma di biofeedback.

È noto che la regolazione colinergica del lume dei bronchi viene effettuata da un effetto diretto sui recettori della muscolatura liscia degli organi respiratori. È generalmente accettato che i nervi colinergici finiscano nelle cellule muscolari lisce, che hanno non solo recettori colinergici, ma anche recettori H1-istamina, recettori β2-adrenergici e recettori neuropeptidici. L'opinione è espressa che le cellule muscolari lisce del tratto respiratorio hanno recettori per PGF2un.

L'attivazione delle fibre nervose colinergiche porta ad un aumento della produzione di acetilcolina e ad un aumento della concentrazione di guanilato ciclasi, che a sua volta favorisce l'ingresso di ioni calcio nella cellula della muscolatura liscia, stimolando così la broncocostrizione. Questo processo può essere migliorato dall'influenza di PGF.2un. I recettori M-colinergici nei bambini sono sviluppati abbastanza bene, che, da un lato, determina le caratteristiche del decorso delle malattie broncopneumopoietiche nei bambini dei primi anni di vita (tendenza a sviluppare ostruzione, produzione di una secrezione bronchiale molto viscosa), e d'altra parte, spiega il pronunciato effetto broncodilatatore dei M-cholinolitici in questa categoria di pazienti.

È noto che la stimolazione dei recettori β2-adrenergici con le catecolamine, nonché un aumento della concentrazione di cAMP e PG-E2, riducono le manifestazioni di broncospasmo. Il blocco ereditario di adenilato ciclasi riduce la sensibilità dei recettori β2-adrenergici agli adrenomimetici, che è abbastanza comune nei pazienti con BA. Alcuni ricercatori indicano l'immaturità funzionale dei β2-adrenorecettori nei bambini durante i primi mesi di vita.

Negli ultimi anni, c'è stato un maggiore interesse nel sistema di relazioni tra l'infiammazione e il sistema di neuropeptidi che integrano il sistema nervoso, endocrino e immunitario. Nei bambini dei primi anni di vita, questa relazione è più pronunciata e determina la suscettibilità allo sviluppo dell'ostruzione bronchiale. Va notato che l'innervazione del sistema respiratorio è più complessa di quanto si pensasse in precedenza. Oltre alla classica innervazione colinergica e adrenergica, esiste l'innervazione non-colinergica non adrenergica (NANH). I principali neurotrasmettitori o mediatori di questo

I sistemi sono neuropeptidi. Le cellule neurosecretorie in cui si formano i neuropeptidi sono separate in una categoria separata - il sistema "APUD" (assorbimento precursore degli amino decarbossilici). Le cellule neurosecretori hanno proprietà di secrezione esocrina e possono causare un effetto umorale-endocrino a distanza. L'ipotalamo, in particolare, è il principale anello del sistema neuropeptidico. Gli iuropeptidi più studiati sono la sostanza P, le neurochinine A e B, un peptide associato al gene della calcitonina, un peptide intestinale vasoattivo (VIP). I neuropeptidi possono interagire con le cellule immunocomprensibili, attivare la degranulazione, aumentare l'iperreattività bronchiale, regolare la NO sintetasi, influenzare direttamente la muscolatura liscia ei vasi sanguigni. È stato dimostrato che il sistema neuropeptide svolge un ruolo importante nella regolazione del tono bronchiale. Così, agenti patogeni infettivi, allergeni o inquinanti, oltre alla reazione condizionata dal vago (broncocostrizione), stimolano i nervi sensoriali e il rilascio della sostanza P, che intensifica il broncospasmo. Allo stesso tempo, il VIP ha un marcato effetto broncodilatatore.

Quindi, ci sono diversi meccanismi di base per lo sviluppo dell'ostruzione bronchiale. Il peso specifico di ciascuno di essi dipende dalla causa del processo patologico e dall'età del bambino. Le caratteristiche anatomiche, fisiologiche e immunologiche dei bambini determinano l'alta frequenza di formazione di BFB in questo gruppo di pazienti. Va notato l'importante ruolo del background premorboso nello sviluppo e nel decorso dell'ostruzione bronchiale. Una caratteristica importante della formazione dell'ostruzione bronchiale reversibile nei bambini dei primi 3 anni di vita è la predominanza di edema infiammatorio e ipersecrezione di muco viscoso sulla componente broncospastica dell'ostruzione, che deve essere presa in considerazione in programmi di terapia complessi.

Classificazione. Ci sono circa 100 malattie associate al biofeedback (3, 8, 17 - 19). Tuttavia, ad oggi non esiste una classificazione generalmente accettata del biofeedback. I gruppi di lavoro, di norma, sono un elenco di malattie che si verificano con ostruzione bronchiale. Sulla base dei dati della letteratura e delle nostre osservazioni nei bambini piccoli, si possono distinguere i seguenti gruppi di malattie associate al biofeedback.

Malattie accompagnate dal sistema operativo:

1. Malattie respiratorie:

1.1. malattie infettive e infiammatorie (bronchite, bronchiolite, polmonite);

1.2. asma bronchiale;

1.3. aspirazione di corpi estranei;

1.3. displasia broncopolmonare;

1.4. malformazioni del sistema broncopolmonare;

1.5. broachiolitis obliterante;

2. Malattie del tratto gastrointestinale (colasia e aholasia dell'esofago, reflusso gastroesofageo, fistola tracheoesofagea, ernia diaframmatica).

3. Malattie ereditarie (fibrosi cistica, deficit di α1-antitripsina, mucopolisaccaridosi, malattie simili a rachitismo).

4. Infezioni parassitarie (toksokaroz, ecc.).

5. Malattie del sistema cardiovascolare.

6. Malattie del sistema nervoso centrale e periferico (traumi alla nascita, miopatia, ecc.).

7. Stati di immunodeficienza congenita e acquisita.

8. Esposizione a vari fattori fisici e chimici ambiente esterno.

9. Altri motivi (malattie endocrine, vasculite sistemica, timomegalia, ecc.).

Da un punto di vista pratico, ci sono 4 principali gruppi di cause del biofeedback:

Per la durata del corso del BOS, può essere acuto (le manifestazioni cliniche del BOS non sono più di 10 giorni), protratto, ricorrente e continuamente recidivante.

La gravità dell'ostruzione può essere distinta dalla lieve gravità, dall'ostruzione bronchiale moderata, grave e nascosta. I criteri per la gravità del BOS sono la presenza di respiro sibilante, dispnea, cianosi, la partecipazione di muscoli ausiliari nell'atto di respirazione, indicatori di funzione respiratoria (funzione respiratoria) e gas del sangue. La tosse è contrassegnata con qualsiasi grado di biofeedback.

per flusso facile BOS è caratterizzato dalla presenza di respiro sibilante durante l'auscultazione, l'assenza di dispnea e cianosi a riposo. Gli indicatori di gas del sangue nel range di normalità, gli indicatori della funzione respiratoria (volume espiratorio forzato in 1 secondo e velocità espiratoria massima) sono oltre l'80% della norma. Lo stato di salute del bambino, di regola, non soffre.

per BOS gravità moderata accompagnato dalla presenza di dispnea, espiratoria o mista, a riposo, cianosi del triangolo naso-labiale, contrazione delle zone del petto flosce. Il respiro affannoso si sente da lontano. La funzione respiratoria è del 60-80% della norma, la CRP è leggermente disturbata (RAO2 più di 60 mm Hg. Art., RaSO2 meno di 45 mm Hg. v.).

a corso severo un attacco di ostruzione bronchiale soffre il benessere del bambino, difficoltà respiratorie rumorose con la partecipazione di muscoli ausiliari, la presenza di cianosi. Indicatori della funzione respiratoria inferiore al 60% del normale, PaO, meno di 60 mm Hg Art., RaCO, più di 15 mm Hg. Art.

Quando c'è un'ostruzione bronchiale nascosta, non vengono determinati i segni clinici e fisici di BOS, ma quando si studia la funzione respiratoria, viene determinato un test positivo con broncodilatatore (aumento del FEV1 più del 12% dopo inalazione con broncodilatatore e / o un aumento della quantità di aumento delle portate volumetriche massime di flusso espiratorio (MOCio5_TS) del 37% o più).

La gravità del BOS dipende dall'eziologia della malattia, dall'età del bambino, dallo sfondo premorbinale e da altri fattori. È necessario tenere conto del fatto che il biofeedback non è una diagnosi indipendente, ma un complesso sintomatico di una malattia, la cui forma nosologica deve essere stabilita in tutti i casi di ostruzione bronchiale.

Clinica. I sintomi clinici classici di BOS, come accennato in precedenza, possono essere di diversa gravità e consistono in espirazione allungata, comparsa di respiro sibilante, respirazione rumorosa. Spesso si sviluppa tosse non produttiva. Nei casi più gravi, lo sviluppo di attacchi d'asma è caratteristico, che è accompagnato dall'impegno di aree del seno conformi e dalla partecipazione di muscoli ausiliari nell'atto di respirare. All'esame obiettivo, i rantoli del fischio secco sono auscultatori. Nei bambini piccoli si sentono spesso rantoli umidi. Quando la percussione appare un suono in scatola sopra i polmoni. L'ostruzione grave è caratterizzata da un'espirazione rumorosa, un aumento della frequenza della respirazione, lo sviluppo della fatica dei muscoli respiratori e una diminuzione della PaO.

Diagnosi. La diagnosi di ostruzione bronchiale nei bambini piccoli, di regola, viene effettuata sulla base di dati clinici e anamnestici e dei risultati dell'esame fisico e funzionale [5, 8, 20]. Lo studio della funzione respiratoria con i metodi di spirografia e pneumotacometria nei pazienti dei primi anni di vita non viene effettuato. I bambini di età inferiore ai 5-6 anni non sono in grado di eseguire la tecnica espiratoria forzata, pertanto, è impossibile condurre questi studi altamente informativi con loro. Nei primi anni di vita di un bambino vengono effettuati uno studio sulla resistenza delle vie aeree periferiche (tecnica di interruzione del flusso) e sulla pletismografia corporea, che consente di rilevare e valutare i cambiamenti ostruttivi e restrittivi con un certo grado di probabilità. Oscillometria e broncofonografia possono fornire un aiuto nella diagnosi differenziale nei bambini dei primi anni di vita. Tuttavia, ad oggi, questi metodi non sono stati applicati nella pratica pediatrica generale.

Al fine di stabilire la diagnosi della malattia che si verifica con il biofeedback, è necessario studiare in dettaglio i dati clinici e anamnestici, prestando particolare attenzione alla presenza di atopia nella famiglia, a precedenti patologie, alla presenza di recidiva di ostruzione bronchiale.

Per la prima volta il BOS identificato del polmone, sviluppato sullo sfondo di un'infezione respiratoria, non richiede ulteriori metodi di esame.

In caso di BFB ricorrente, una serie di metodi di esame dovrebbe includere: 1) esame del sangue periferico;

2) Test sierologici (sono richieste IgM e IgG specifiche, è auspicabile un test IgA) per la presenza di infezioni da clamidia, micoplasmi, citomegalovirus, herpes e pneumocisti [21]; in assenza di IgM e presenza di titoli di dagnostici IgG, è necessario ripetere lo studio dopo 2-3 settimane (sieri accoppiati)

3) Test sierologici per la presenza di elmintiasi (toxocariasis, ascariasis)

4) Esame allergico (IgE totali, IgE specifiche, test antigraffio della pelle); altri esami immunologici vengono effettuati dopo aver consultato un immunologo.

I metodi di analisi batteriologica e la diagnostica della PCR sono altamente informativi solo quando si prende materiale durante la broncoscopia, lo studio di striscio caratterizza principalmente la flora del tratto respiratorio superiore.

La radiografia del torace non è un metodo di ricerca indispensabile nei bambini con BOS. Questo studio è condotto nelle seguenti situazioni:

1) il sospetto di un corso BOS complicato (per esempio, la presenza di atelettasia); 2) l'esclusione della polmonite acuta;

3) il sospetto di un corpo estraneo;

4) BFB ricorrente (se non sono stati effettuati raggi X precedenti).

Secondo le indicazioni, vengono eseguite broncoscopia, broncografia, scintigrafia, angiopulmonografia, tomografia computerizzata, ecc.. Lo scopo dello studio è certamente determinato individualmente in ogni caso particolare [22].

I casi gravi di ostruzione bronchiale, così come tutti i casi ripetuti di malattie che si verificano con il biofeedback, richiedono il ricovero ospedaliero obbligatorio per chiarire la genesi del biofeedback, condurre una terapia adeguata, prevenire e prevedere l'ulteriore decorso della malattia.