Diagnosi e trattamento della tubercolosi linfonodale

Siamo abituati a pensare che la tubercolosi sia una pericolosa malattia infettiva del tessuto polmonare. Va notato che questa malattia ha molte localizzazioni. Spesso colpisce il tratto gastrointestinale, il sistema osseo e la pelle. Ma la forma più comune è la tubercolosi dei linfonodi. È importante rilevare la malattia in tempo e iniziare il trattamento. Se non intraprendi alcuna azione, diventa più complicato.

Mycobacterium o Koch's bacchetta è un microbo che causa una malattia pericolosa, spesso fatale, la tubercolosi. La malattia è asintomatica per diversi anni. L'uomo non si rende nemmeno conto di essere malato. Avere problemi che una persona diventa contagiosa con altre persone. Un paziente infetta in media circa 10-15 persone.

È importante! Se questa malattia non viene trattata, il tasso di mortalità è superiore al 50%, tra quelli infetti da virus e batteri

La tubercolosi dei linfonodi si verifica quando il micobatterio inizia ad attaccare il sistema linfoide. Questo succede in due casi.

  • La prima opzione è quando i linfonodi sono colpiti a causa della penetrazione dei micobatteri attraverso la mucosa della bocca e del naso. I nodi regionali più vicini sono cervicali. Dalla porta dell'infezione attraverso il micobatterio linfogeno, è in loro.
  • Nel secondo caso, la tubercolosi linfatica si verifica durante le fasi terminali della malattia. L'idea è che l'obiettivo primario sia localizzato al di fuori del sistema linfatico. Il bastone di Koch arriva a un nodo nel modo linfogeno ed ematogeno.

Il meccanismo di sviluppo assomiglia a questo:

  • stadio di proliferazione - si formano foci di infezione. Questo stadio ha un decorso cronico favorevole, una tendenza alla guarigione;
  • stadio infiltrativo - in un caso favorevole, la messa a fuoco infiammatoria si risolve. Se ciò non accade, vi è una reazione necrotica di natura cagionevole;
  • cavità tubercolare - viene creata una cavità da cui viene rilasciato il fluido a causa del rigetto delle masse necrotiche.

Le conseguenze della malattia dipendono dalla natura del corso. La malattia progredirà più facilmente con una forma regressiva dell'infezione. Il risultato dipende dall'efficacia del trattamento e dalla reversibilità dei cambiamenti che si sono verificati nel processo del disturbo.

Nella tubercolosi del sistema linfatico, tali gruppi di linfonodi possono essere infiammati:

I primi segni di tubercolosi linfonodale possono essere rilevati immediatamente e per lungo tempo non possono manifestarsi. Ad esempio, la tubercolosi dei linfonodi intratoracici si sviluppa con danni ai polmoni. Ha questi sintomi:

  • intossicazione generale - aumento della temperatura corporea, violazione delle condizioni generali, perdita dell'appetito e diminuzione del peso corporeo;
  • sudorazione eccessiva durante la notte;
  • tosse secca e solleticante;
  • i linfonodi sono massicci, densi, hanno un contenuto caseoso.

Sintomi tipici, la causa - spremitura dei linfonodi degli organi vicini. Ad esempio, mancanza di respiro, violazione della permeabilità alimentare, gonfiore delle vene del collo.

È importante! Tubercolosi dei linfonodi intratoracici - una conseguenza dell'infezione del tessuto polmonare

Se c'è linfadenite tubercolare della regione cervicale, le caratteristiche del linfonodo sono:

  • aumentato di dimensioni;
  • consistenza densa;
  • la lesione è simmetrica;
  • l'infiammazione dei linfonodi si verifica spesso;
  • l'infiammazione si trasforma in necrosi caseosa;
  • assottigliamento della pelle sulla lesione;
  • fuoriuscita di ascesso;
  • formazione di fistole.

La tubercolosi periferica linfatica ha una prognosi favorevole in assenza di necrosi e fistole caseose. Dipende anche dalle condizioni generali del paziente e dalla suscettibilità del microbo al trattamento.

La tubercolosi dei linfonodi nei bambini è molto meno comune che negli adulti. Una forma comune è la tubercolosi dei linfonodi intratoracici. Questo gruppo di nodi raccoglie linfa dalla radice del polmone e organi mediastinici.

Ci sono tali segni clinici in forma infiltrativa, quando i pazienti sono già infetti:

  • linfonodi leggermente ingrossati;
  • l'infiammazione si estende oltre il linfonodo;
  • tessuto polmonare affetto;
  • disturbo del sonno, ansia, stanchezza;
  • perdita di appetito, perdita di peso;
  • tono pallido della pelle, lividi sotto gli occhi;
  • temperatura corporea leggermente aumentata.

Se non si inizia il trattamento in tempo, la forma infiltrativa diventa tumorale. È caratterizzato da segni pronunciati di intossicazione. Per i bambini sono caratteristici:

  • insufficienza respiratoria - difficoltà di espirazione durante l'inalazione normale;
  • dolore al petto;
  • tosse, che si chiama bitonale (due toni) - respiro sibilante e rauco;
  • tosse secca, per la sua natura ricorda lo stato di pertosse.

Nei bambini, la tubercolosi dei linfonodi periferici è più difficile. Il sistema immunitario dei bambini è indebolito e la malattia viene trasmessa per via aerea. Inoltre, la ragione è che i bambini hanno maggiori probabilità di essere infettati da genitori che hanno una forma multi-resistente di tubercolosi. Ciò significa che la bacchetta di Koch è insensibile alla terapia farmacologica. Successivamente, il trattamento non porta il risultato desiderato e la prognosi è scarsa.

Hai bisogno di intervistare il paziente. Scopri se la sua famiglia ha questa malattia e se il paziente non è stato in contatto con i pazienti con tubercolosi. Successivamente, è necessario valutare la presenza di sintomi di tubercolosi linfonodale in un paziente. Questi possono essere sia sintomi generali di intossicazione che segni locali di danno ai linfonodi.

Per aiutare a fare una diagnosi accurata, è necessario utilizzare metodi diagnostici aggiuntivi. Questi includono:

  • test della tubercolina;
  • bacterioscopy;
  • Diagnostica a raggi X.

Il test della tubercolina o Mantoux è la somministrazione intradermica di tubercolina (un antigene incompleto). Con l'introduzione di questo nel corpo, una persona non può ammalarsi. La base dell'azione della tubercolina è l'emergere di una risposta immunitaria a un antigene. L'obiettivo principale di questo metodo diagnostico è la diagnosi precoce di persone infette e persone con un aumentato rischio di tubercolosi. È inoltre possibile valutare il grado di infezione della popolazione con questa malattia. Il risultato del test può essere:

  • negativo - nessuna infiltrazione o segno dopo un'iniezione fino a 1 mm;
  • dubbio: il diametro dell'infiltrato è da due a quattro mm;
  • positivo - infiltrarsi con un diametro superiore a 5 mm.

Il metodo batterioscopico consiste nell'esaminare l'espettorato del paziente, l'acqua di lavaggio bronchiale e preparare una microslide. Questa ricerca può essere effettuata in qualsiasi laboratorio. Ma l'unico inconveniente è che ci deve essere un sacco di micobatteri (da 50.000 a 10.000) in 1 ml. Fai una macchia, è dipinta. Di conseguenza, puoi vedere dei bastoncini rossi su uno sfondo blu.

La radiografia degli organi del torace consente di vedere la presenza di alterazioni patologiche, ingrossamento dei linfonodi nella tubercolosi. Puoi vedere la presenza di infiltrati, determinarne la densità. Questo metodo aiuta a distinguere tra varie malattie del tessuto polmonare.

Il trattamento della tubercolosi è il metodo principale per trattare questa malattia. Di conseguenza, la situazione epidemiologica viene migliorata e viene eliminata la fonte di infezione. Trattare la tubercolosi è necessario in un complesso. È effettuato in istituzioni specializzate - dispensari di tubercolosi.

Il trattamento consiste in due fasi:

  • chemioterapia di base;
  • riabilitazione.

Il trattamento viene eseguito secondo il protocollo, a seconda del gruppo a cui appartiene il paziente. Il trattamento completo prevede l'assunzione di tali gruppi di farmaci:

  • terapia antimicobatterica;
  • trattamento sintomatico;
  • trattamento chirurgico;
  • cure di emergenza per possibili complicazioni.

È importante! L'HIV (virus dell'immunodeficienza umana) ha la tendenza a sopprimere completamente l'immunità. Pertanto, questi pazienti spesso soffrono di tubercolosi.

Il gruppo principale di farmaci è antimicotico. Secondo l'attività sono divisi in tre gruppi:

  • 1 (A) gruppo - il più attivo - Isoniazid, Rifampicin;
  • 2 (B) gruppo - farmaci di efficacia media - Streptomicina, Amikacina, Kanamicina;
  • 3 (C) - il meno efficace - Tioacetazone, PAS.

L'efficacia del farmaco viene valutata dalla loro azione sui microbi, dalla capacità di penetrare nella parete cellulare, dall'attività.

Prendi in considerazione alcuni farmaci anti-TBC:

Tubercolosi linfonodale

Tubercolosi linfonodale: segni, sintomi, trattamento.

Questo tipo di tubercolosi extrapolmonare colpisce principalmente bambini e giovani fino a 25 anni, che è associato con l'immaturità del sistema linfatico.

Allo stesso tempo, quasi in tutti i pazienti, nell'ambiente vicino, è stato rilevato un vettore di micobatteri.

Il principale sintomo della tubercolosi linfonodale è la linfoadenopatia - un aumento dei linfonodi in termini di dimensioni.

Quando i micobatteri entrano nel tessuto linfoide, cresce a causa della proliferazione dei linfociti.

Con l'inefficacia della protezione immunitaria e la riproduzione attiva del patogeno, l'infiammazione specifica e la formazione di granulomi - si sviluppano tubercoli tubercolari.

Segni di tubercolosi dei linfonodi

Spesso, la tubercolosi linfatica si sviluppa sullo sfondo della sindrome da immunodeficienza primaria (AIDS), quando il corpo non riesce più a far fronte ai microrganismi che vi cadono dentro. Ciò è dovuto al deficit di linfociti T.

L'affetto dei linfonodi può verificarsi:

  • principalmente con una massiccia penetrazione dell'agente causativo della tubercolosi attraverso le mucose ematogene o linfogene;
  • secondaria a tubercolosi polmonare (nei linfonodi regionali).

Molto spesso la linfoadenopatia è espressa leggermente. Una caratteristica caratteristica è la coesione dei linfonodi con la pelle e la formazione di conglomerati negli ultimi stadi della malattia.

Forme della malattia:

  • iperplastico (infiltrativo);
  • puholevidnaya;
  • induratum.

Il più delle volte colpisce i linfonodi cervicali (fino all'80-90%), sottomandibolari e giugulari (fino al 60%).

La ragione è la vicinanza alla penetrazione del cancello dell'infezione - il rinofaringe, la cavità orale, le tonsille.

I linfonodi mediastinici con lo sviluppo di bronchoadenite sono anche un bersaglio frequente di micobatteri.

I linfonodi ascellari (15-20%), inguinali (5%) e intra-addominali sono meno comuni.

Oltre alla linfoadenopatia del paziente, ci sono varie manifestazioni cliniche.

La loro gravità dipende dal carico batterico e dalla durata del decorso della malattia.

Sintomi di tubercolosi del linfonodo

Sintomi di intossicazione:

  • stanchezza;
  • sudorazione eccessiva;
  • condizione subfebrilare lunga;
  • perdita di appetito;
  • riduzione del peso;
  • iperemia della pelle nei linfonodi;
  • tenerezza dei linfonodi, aggravata dalla loro palpazione.

Nei pazienti anziani e nelle donne in gravidanza, la tubercolosi linfonodale può verificarsi atipicamente - con un esordio acuto della malattia, gravi sintomi di intossicazione, lo sviluppo di sanguinamento.

Con la progressione della malattia, si sviluppa una necrosi caseosa, le fistole compaiono sui conglomerati con la scadenza dei contenuti purulenti e delle fibre del tessuto distrutto.

Diagnosi della tubercolosi linfonodale

Ai fini della diagnosi differenziale, sono necessari i seguenti studi:

  1. Analisi dei reclami dei pazienti.
  2. Emocromo completo con formula dei leucociti e tasso di sedimentazione degli eritrociti.
  3. Esame del sangue per l'infezione da HIV.
  4. Test Diaskintest o Mantoux.
  5. Analisi dell'espettorato per i micobatteri.
  6. Studio immunologico del sangue.
  7. Esame a raggi X del torace.
  8. Esame ecografico di linfonodi periferici, mediastinici e intra-addominali.
  9. Tomografia computerizzata del collo, organi del torace e dell'addome.

Esame istologico del materiale bioptico estratto mediante puntura o rimozione chirurgica di un campione di tessuto.

Micobatteri, granulomi e cellule giganti di Pirogov-Langhans si trovano nel linfonodo colpito dalla tubercolosi. Può anche mostrare segni di necrosi e microascessi.

Quando i linfonodi mediastinici sono affetti, compaiono sintomi diagnostici specifici di Wiederhoffer e Frank (vene safeniche dilatate tra le scapole e sul petto) e sintomo di Petrushka (quando si preme con un dito sulle vertebre toraciche superiori compare un attacco di dolore).

Trattamento della tubercolosi linfatica

Il trattamento della tubercolosi linfatica dura fino a 2 anni ed è effettuato in un dispensario specializzato in tubercolosi.

Con una terapia efficace, il processo è invertito e guarito.

Solo un trattamento complesso può essere efficace:

  1. Una dieta ipercalorica ricca di proteine ​​e vitamine.
  2. Rispetto del regime del giorno, tempo sufficiente per dormire.
  3. Lotta contro situazioni stressanti e miglioramento delle condizioni di vita.
  4. Camminare all'aria aperta, preferibilmente nella foresta di conifere.
  5. Rifiuto di cattive abitudini.
  6. L'uso di immunomodulatori per aumentare la resistenza dei micobatteri.
  7. Secondo le indicazioni della plasmaferesi.
  8. Ormoni glucocorticosteroidi.
  9. Farmaci antibatterici e antifungini.

Farmaci chemioterapici per la tubercolosi:

  • Serie I (etambutolo, isoniazide, rifampicina, pirazinamide, etambutolo, streptomicina);
  • Serie II (ciprofloxacina, kanamicina, cicloserina, amikacina, ofloxacina, etionamide, protionamide, capreomicina, rifabutina, tioacetazone, acido para-aminosalicilico).

Il metodo di trattamento di questa malattia dipende dal suo stadio:

Nella fase 1 viene effettuata una terapia conservativa con farmaci anti-tubercolari.

Allo stesso tempo, i linfonodi iperplastici continuano a svolgere le loro funzioni protettive.

Questo è necessario, dal momento che non esclude il rientro dei micobatteri nel corpo nello stesso modo di prima.

Pertanto, il trattamento chirurgico nella fase iniziale della tubercolosi è controindicato.

Nella fase 2, si verifica la necrotizzazione e la distruzione del tessuto - necrosi caseosa.

Come trattamento viene applicata la terapia combinata, incluso l'uso di farmaci e la rimozione chirurgica dei linfonodi che non sono suscettibili ai farmaci anti-tubercolari per 1,5-2 anni.

In questa fase, le masse caseose possono incapsulare, specialmente se la lesione è piccola e il numero di micobatteri in esso è insignificante.

Dopo l'auto-cicatrizzazione, si verifica la successiva impregnazione graduale della capsula con sali di calcio (pietrificazione).

Allo stesso tempo, una certa quantità di micobatteri può rimanere nel tessuto cicatriziale a causa dell'impossibilità della penetrazione del farmaco anti-tubercolosi attraverso la capsula fibrosa.

In alcuni casi, una persona viene a conoscenza dell'infezione della tubercolosi trasferita solo durante uno studio di radiazioni pianificato (fluorografia o tomografia computerizzata), quando le calcificazioni vengono rilevate nell'immagine.

Quando si passa alla tubercolosi nella fase 3, si verifica la suppurazione del linfonodo.

I prodotti di decadimento dei tessuti si dissolvono nel sangue e si diffondono in tutto il corpo.

Il paziente è preoccupato per il dolore pronunciato e i sintomi di intossicazione.

È necessaria un'apertura urgente dell'ascesso, la rimozione del contenuto purulento e il lavaggio della cavità della capsula con un farmaco.

Nei casi avanzati di tubercolosi si sviluppa il 4 ° stadio della malattia. Di regola, si trova tra la popolazione asociale.

Allo stesso tempo, il pus contenuto nella cavità linfatica si rompe attraverso i passaggi fistolosi alla superficie della pelle, un'altra infezione batterica può anche unirsi allo sviluppo della sepsi.

Dato questo rischio, oltre al trattamento chirurgico e alla chemioterapia, il paziente necessita di trattamento e trattamento delle fistole, l'uso di farmaci antibatterici. Dopo che la fistola è guarita, si formano delle cicatrici sulla pelle.

Previsione per la tubercolosi linfonodale

Dopo il completamento del trattamento e l'istituzione di una remissione affidabile, la riabilitazione è raccomandata in un sanatorio specializzato.

Quanto prima viene rilevata la tubercolosi dei linfonodi, tanto più favorevole è la prognosi per la vita del paziente.

Nei pazienti debilitati, così come nei pazienti con tubercolosi di stadio III-IV, la prognosi è molto meno favorevole.

Ci sono situazioni in cui i pazienti sviluppano resistenza a uno o più farmaci chemioterapici. Ciò complica enormemente il trattamento e peggiora anche la prognosi.

In alcuni casi, può esserci una recidiva di tubercolosi linfonodale.

Tubercolosi linfonodale - sintomi, primi segni

La tubercolosi dei linfonodi si manifesta insieme al danno ai polmoni, solo raramente si verifica separatamente dagli altri.
Oggi è la forma più comune di tubercolosi extrapolmonare.

Molto spesso, la patologia viene diagnosticata nelle donne, il secondo posto è dato agli uomini, ma i bambini sono malati meno spesso, ma è nella loro malattia caratterizzata da un decorso complesso e un aumentato rischio di sviluppare complicanze.

Tubercolosi dei linfonodi nell'uomo

Questo tipo di patologia è il risultato dell'infezione micobatterica dei linfonodi ed è nota come linfoadenite. Questo tipo di malattia extrapolmonare è più spesso osservato in individui immunocompromessi, che rappresentano fino al 50% dei casi.

È noto che la patologia colpisce le persone sin dall'antichità. Nel Medioevo, il tocco del re era considerato la guarigione di questa malattia. Nel nostro tempo, la chirurgia ha svolto un ruolo cruciale nella diagnosi e nel trattamento della tubercolosi linfonodale.

Tuttavia, negli ultimi decenni, l'importanza della chirurgia è diminuita, poiché è irto di malattie e complicanze concomitanti. Come con l'infezione nei polmoni, la chemioterapia anti-tubercolosi è diventata lo standard nel trattamento dei pazienti e nuovi metodi diagnostici (ad esempio l'aspirazione con un ago sottile) hanno sostituito metodi più pericolosi di rimozione dei tessuti.

Questa forma della malattia è lieve nel suo corso ed è curabile, ma non salva necessariamente il paziente da un'infezione comune. Molto comune tra bambini e adolescenti.


Forse la benignità di questa forma di infezione può essere spiegata dal fatto che i linfonodi resistono alla penetrazione di microrganismi nel corpo e possono ridurre la patogenicità dei batteri. La lesione è locale, in grado di interessare i linfonodi cervicali, bronchiali o mesenterici e sistemica, diffondendosi in tutto il corpo.

Oggi circa il 95% delle infezioni linfatiche specifiche negli adulti sono causate da Mycobacterium tuberculosis e il resto è micobatterio atipico o non tubercolare. Nei bambini, la situazione è leggermente diversa.

L'immunità, le cellule T particolarmente sane, svolgono un ruolo importante nella lotta contro le infezioni. Producono sostanze speciali - citochine, che consentono al sistema immunitario di distruggere i micobatteri e formare dei tubercoli.

Pertanto, per le persone con infezione da HIV, l'incidenza della tubercolosi linfonodale è 500 volte superiore rispetto alla popolazione generale.

Guarda i video di questo argomento.

I primi segni di patologia

I pazienti riferiscono un gonfiore indolore e crescente nell'area dei linfonodi. I sintomi sistemici (comuni) della tubercolosi linfonodale comprendono febbre, brividi, perdita di peso o malessere nel 43% dei pazienti.

I primi segni e sintomi della tubercolosi linfonodale:

  • ingrandimento di qualsiasi linfonodo, ma la lesione cervicale è più comune;
  • le formazioni dense diventano ancora più difficili con il tempo man mano che la malattia progredisce;
  • abbastanza spesso i fuochi sono pieni di liquido e sono collegati da una fistola (apertura) con l'ambiente;
  • la molteplicità delle formazioni (un sigillo è raro);
  • in un terzo dei pazienti, le lesioni sono simmetriche in entrambe la metà del corpo.

I principali sintomi della malattia

Tutti i pazienti hanno sudorazione notturna, perdita di peso e debolezza. L'infezione da tubercolosi colpisce più spesso i linfonodi cervicali (63,3%), seguita da mediastino (26,7%) e ascellare (8,3%). Nel 35% dei pazienti, la linfoadenopatia è presente in più di un posto.

Nel caso di una malattia cervicale, potrebbero non esserci segni di presenza di batteri fino a quando non si noterà un graduale aumento dei nodi. Questo diventa la causa del trattamento in clinica.

In presenza di tubercolosi intestinale primaria, la patologia di solito si diffonde ai nodi mesenterici. La condizione può essere accompagnata da peritonite con versamento purulento nella cavità addominale. C'è una febbre intermittente. La pelle è secca e pallida. C'è stanchezza e anemia.

La malattia diventa cronica in quasi tutti i casi. Il pericolo è che causi un'infezione attiva al di fuori dei linfonodi, causando la tubercolosi delle ossa, dei reni e dei polmoni.

Infezione dei linfonodi periferici

La tubercolosi è solitamente causata dall'inalazione di aria contaminata da micobatteri. Quindi i microbi si spostano dai polmoni ai linfonodi periferici.

I sintomi della tubercolosi linfonodale periferica includono:

  • febbre;
  • gonfiore indolore e stretto sul collo, sulle ascelle e sull'inguine, meno spesso in altre aree;
  • ulcere della pelle;
  • sudorazione.

La diagnosi di tubercolosi linfonodale periferica include:

  • biopsia del tessuto interessato;
  • radiografia del torace;
  • Scansione TC del collo;
  • coltivare una coltura di batteri in un biomateriale prelevato dai linfonodi;
  • analisi del sangue per l'HIV;
  • Test di Mantoux.

Il trattamento di solito consiste nel prendere 2-4 antibiotici per 9-12 mesi, che includono:

Malattia del linfonodo intratoracico

Se si verifica una malattia nelle ghiandole bronchiali, può svilupparsi tubercolosi polmonare. La condizione è manifestata da bronchite con presenza di tosse e febbre. L'espettorato purulento contiene sangue e bacilli.

I linfonodi insolitamente grandi possono schiacciare le strutture circostanti, ad esempio uno dei bronchi, che porta all'infezione polmonare e all'espansione degli alveoli (estremità delle vie respiratorie).


La tubercolosi dei linfonodi intratoracici può portare ad altre complicazioni: disfagia, fistola (apertura), ostruzione (pressione) delle vie biliari e cuore. A volte i nodi cervicali possono comprimere la trachea, che porta a difficoltà di respirazione.

Come si diffonde l'infezione

In questa fase, una persona non è in grado di diffondere i micobatteri, perché non emette gocce infette (da tosse e starnuti). Prima o poi (soprattutto senza trattamento), il processo si diffonde ai polmoni e ai bronchi, il paziente diventa contagioso.

I batteri entrano nel corpo inalando goccioline dopo aver tossito o starnutito le persone infette. La malattia può essere limitata ai polmoni con una forte immunità o diffusa ulteriormente in altre condizioni.

I linfonodi possono essere infettati principalmente bevendo latte non pastorizzato. I batteri possono diffondersi alle ossa o alle meningi, che causano la meningite tubercolare.

Linfonodi con tubercolosi polmonare

Alla palpazione (palpazione), i linfonodi sono definiti come piccoli, densi e ben definiti nodi che crescono lentamente di dimensioni fino a diventare come un uovo di gallina. Restano fermi finché non si verifica la suppurazione.

Dopo questo, compaiono i sintomi di una febbre di tipo irregolare. Di solito, la stanchezza e la perdita di appetito non sono eccessive, ma c'è malessere, esaurimento e anemia.

Malattia pericolosa nei bambini

Di solito, i linfonodi superficiali sono interessati, ma altri possono anche essere coinvolti, come sottomandibolare, parotide, inguinale e ascellare. Spesso la linfoadenopatia è bilaterale. Anche nel processo coinvolto linfonodi intratoracici e addominali.

L'incidenza della tubercolosi polmonare associata varia dal 5% al ​​62%. Il trattamento è difficile. Tuttavia, la maggior parte dei casi di malattia può essere controllata con l'uso di agenti antibatterici, e la chirurgia è raramente richiesta.

Alcuni bambini, specialmente quelli con malattie coesistenti, hanno sintomi sistemici, come febbre, perdita di peso, stanchezza e sudorazione notturna. La soffocamento della tosse può essere un segno di linfadenite mediastinica pronunciata.

Inizialmente, i nodi sono solidi, lucidi e mobili, non saldati ai tessuti circostanti. Più tardi diventano opachi e la pelle sopra di loro diventa rossa. In una fase successiva, i nodi si ammorbidiscono, causando ascessi difficili da curare senza intervento chirurgico.

Per confermare la diagnosi, è necessario un test cutaneo Mantoux, che è positivo nella maggior parte dei bambini con linfadenite tubercolare. La probabilità di una risposta falsa negativa è inferiore al 10%.

Trattamento efficace della malattia

L'infezione non è considerata una malattia focale, pertanto viene eseguita una chemioterapia sistemica. Il trattamento farmacologico è standard per questa malattia. I regimi antibiotici efficaci per la tubercolosi polmonare possono essere applicati anche alla linfadenite tubercolare.

Dopo aver aumentato la sensibilità ai farmaci, continua a prendere solo due antibiotici per 6 mesi. La stessa terapia per la TB presenta notevoli inconvenienti dovuti alla presenza di reazioni avverse.

Il trattamento chirurgico viene eseguito quando non vi è alcun miglioramento dall'assunzione di farmaci. L'operazione è anche intesa a stabilire una diagnosi, eliminare un processo locale o drenare la fistola (orifizio). Un trattamento improprio durante l'intervento chirurgico può portare a fistole postoperatorie e alla diffusione di micobatteri nel sangue.

La prognosi dopo il trattamento corretto è favorevole. Di solito, la maggior parte dei pazienti riesce a contenere un ulteriore sviluppo della malattia.

Tubercolosi linfonodale

La tubercolosi è chiamata una malattia infettiva causata da micobatteri - bastoncini di Koch. Il suo nome obsoleto è il consumo. I polmoni sono spesso colpiti, ma altri organi e tessuti del corpo possono essere colpiti. La malattia è trasmessa da goccioline trasportate dall'aria con una forma aperta, così come da cibo domestico, raramente da una donna incinta al feto. Quando l'infezione arriva all'organo dove trova condizioni favorevoli, la malattia inizia a svilupparsi. La forma extrapolmonare più comune è la tubercolosi linfonodale.

Tubercolosi linfonodale - che cos'è?

Linfonodo - organo del sistema linfatico, situato sulla periferia, che svolge una funzione protettiva e filtrante. Provoca la produzione di linfociti, protegge il corpo dalle infezioni. Nello stato normale, i linfonodi più piccoli di 1 cm 2 non sono palpabili durante la palpazione.

Tubercolosi dei linfonodi - un insieme di reazioni del sistema immunitario umano e alterazioni patologiche che si verificano nel tessuto linfoide a causa dell'ingestione di bastoncini di Koch. La malattia inizia con la crescita dei linfonodi aumentando il numero di linfociti.

Questa localizzazione della malattia può essere una malattia indipendente o una conseguenza del danno polmonare. Ma la tubercolosi dei linfonodi periferici si verifica raramente senza danni ad altri organi. La malattia colpisce i nodi del collo, sotto l'ascella, l'inguine, all'interno dello sterno.

Il danno frequente ai nodi del collo è dovuto al fatto che la membrana mucosa del nasofaringe si manifesta per la prima volta con l'infezione. In caso di violazione dell'integrità della membrana mucosa, allentamento del tessuto linfoide, l'infezione da tubercolosi entra nei linfonodi nei nodi cervicali.

La tubercolosi dei linfonodi intratoracici (bronchoadenitis) è la lesione primaria, senza lo sviluppo di tubercolosi polmonare e linfangite (infiammazione dei tronchi e dei capillari linfatici). Questa localizzazione della malattia è più caratteristica di bambini, adolescenti, giovani sotto i 25 anni di età. La malattia si manifesta cronicamente, con un lungo processo nel tessuto del nodo. Le complicazioni di questa patologia sono suddivise in precoce (pleurite essudativa) e tardiva (passaggio alle pareti dei bronchi, caratterizzato da tosse grave, problemi respiratori). La maggior parte delle complicazioni si riscontra nei bambini di età inferiore a 3 anni.

Cause di patologia

Quando i micobatteri entrano nel corpo umano, vengono neutralizzati, distrutti dai linfociti. Se ciò non accade, la malattia si sviluppa. Nello stesso momento i nodi di linfa di varia localizzazione possono soffrire. I bastoncini Koch non possono muoversi autonomamente, ma sono molto resistenti alle temperature estreme e all'asciugatura. Questo può portare a infezioni della polvere nell'aria.

La via più comune di infezione è in volo. L'infezione viene trasmessa da una persona malata a una persona sana quando tossisce o starnutisce. Questo può prima sviluppare la tubercolosi polmonare, e poi da loro per entrare nei linfonodi.

Le vie d'infezione sono molto meno comuni: cibo, famiglia, transplacental. La malattia può essere causata dal consumo di latte da mucche malate. Per questo motivo, il latte crudo che non è stato pastorizzato o sterilizzato non può essere consumato. Particolare attenzione è rivolta alla qualità della carne, il trattamento termico è obbligatorio. Se l'infezione penetra nel corpo umano attraverso la via alimentare, la tubercolosi colpisce i linfonodi intra-addominali.

Il gruppo a rischio include le persone:

  • senza vaccinazioni, vaccinato in modo improprio;
  • soffre di diabete, ulcere allo stomaco;
  • HIV-infetti;
  • fumatori;
  • alcol e tossicodipendenti;
  • con malattie croniche
  • con immunità ridotta;
  • cattive condizioni di vita;
  • carichi eccessivi;
  • carenze nutrizionali e vitamine.

Sintomi e segni della tubercolosi linfonodale

La malattia asintomatica può durare da 3 mesi a 1 anno. I linfonodi aumentano gradualmente di 0,5 cm, diventano dolorosi. La forma cronica della malattia dura per anni senza grandi cambiamenti nel benessere umano. Ci può essere uno stadio acuto della malattia con sintomi pronunciati. Se una persona viene infettata da una persona infetta dipende dallo stato del sistema immunitario.

  • linfonodi ingrossati, a volte fino a 3-5 cm;
  • i linfonodi sono stretti, elastici, sono facili da rimuovere;
  • febbre;
  • aumento della sudorazione;
  • mancanza di appetito;
  • perdita di peso drastica;
  • aumento della fatica;
  • la pelle può diventare gialla o marrone;
  • nell'analisi del sangue: aumento della VES, linfociti, proteine ​​plasmatiche, bassa emoglobina.

I sintomi specifici dipendono dalla localizzazione della lesione del sistema linfatico:

  • Nella tubercolosi dei linfonodi intratoracici compaiono sintomi di intossicazione - deterioramento della salute, mancanza di appetito, febbre, dolore toracico, tosse, sudorazione intensa. Nei bambini è possibile osservare un'espansione della rete venosa periferica sulla parete anteriore del torace.
  • Con la sconfitta dei nodi cervicali si possono osservare segni non specifici. Il nodo è ingrandito a 1-3 cm. Spesso è indolore, elastico, mobile. Solo un lato può essere colpito a destra oa sinistra.
  • La penetrazione di un'infezione nei linfonodi intra-addominali può manifestarsi con nausea, vomito, distensione addominale, indigestione, frequente stitichezza o diarrea, dolore addominale (spesso a destra sotto), possono formarsi aderenze. La forma acuta dei linfonodi mesenterici è simile all'appendicite acuta o alla gastroenterite.

Lo sviluppo della malattia nei bambini

La tubercolosi periferica linfatica colpisce più spesso bambini e adolescenti. L'esordio della malattia è nascosto, asintomatico. Tranne nei casi in cui un bambino ha una ipersensibilità alle infezioni da tubercolosi. Poi la temperatura aumenta, compaiono altri segni di infiammazione.

Nella fase iniziale, si verifica la condensazione, un aumento dei linfonodi nei bambini. Sono indolori, ma con lo sviluppo della malattia diventano più densi, saldati. Di conseguenza, il processo può portare all'infezione dei tessuti circostanti, alla comparsa di fistole. Nella fase avanzata della malattia, la pelle sopra i nodi diventa rosso vivo.

Se i linfonodi della regione cervicale sono colpiti, può verificarsi una spremitura dell'esofago. Tipica intossicazione riflette male sul lavoro del cuore, dei vasi sanguigni, del sistema nervoso. Con la formazione di ascessi tubercolari, appaiono sensazioni dolorose.

La sconfitta dei linfonodi intratoracici nei bambini si sviluppa a causa del processo patologico polmonare, che occupa il posto principale nella storia della malattia. È caratterizzato da una forte tosse, insufficienza respiratoria, dolore. È doloroso per il bambino sdraiarsi sulla schiena, ci possono essere sintomi di asfissia e intossicazione, sudorazione pesante durante la notte, perdita di appetito, debolezza, febbre.

La manifestazione della tubercolosi negli adulti

Molto spesso, la patologia dei nodi appare a causa della tubercolosi polmonare. I batteri entrano negli organi e nei tessuti adiacenti, il che porta alla lesione della VLU. La tubercolosi dei linfonodi intratoracici si manifesta per intossicazione. Negli adulti, la tosse si verifica a causa di irritazione delle mucose o la formazione di fistola broncopolmonare. Le complicazioni sono tipiche di questo tipo di patologia linfonodale - la fibrosi basale e la formazione di ampie aree con residui di massa necrotica di tipo.

Nelle persone con un virus di immunodeficienza, la malattia è particolarmente aggressiva e può essere fatale. Le persone con infezione da HIV hanno maggiori probabilità di avere la tubercolosi dei linfonodi intratoracici. Periferico, intraperitoneale colpito meno spesso. In questo gruppo di pazienti, la malattia inizia con i sintomi della tubercolosi primaria, quindi può trasformarsi in una forma comune per il corpo e la tubercolosi ematogena acuta. Anche altri organi sono colpiti: i polmoni, il cervello, l'intestino, il fegato e altri.

Tubercolosi periferica linfatica si riferisce al periodo primario della malattia. Secondaria può svilupparsi con l'esacerbazione del processo in altri organi a causa della bassa resistenza dell'organismo. Ipotermia, stress, malattia accidentalmente associata portano ad aggravamento.

Nei bambini piccoli, nelle donne incinte, negli anziani, la fase iniziale può essere atipica. I primi segni di intossicazione sono più pronunciati. La temperatura corporea sale a 38-39 ° C, pallore della pelle, emicrania, aumento delle dimensioni e dolore intenso nei linfonodi appaiono.

Stadio della malattia

Con la sconfitta dei linfonodi l'espettorato non viene assegnato, le manifestazioni della malattia variano a seconda dello stadio. La svolta del linfonodo si verifica nell'ultimo stadio della malattia e il contatto con le masse purulente porta all'infezione di persone sane.

Fasi dello sviluppo della malattia:

  • Infiltrazione. Caratterizzato da un aumento, compattazione, mobilità dei linfonodi. Il dolore è raro.
  • Caseosa. I nodi aumentano ancora di più, possono essere saldati l'uno con l'altro. La fibrosi si sviluppa - la struttura granulomatosa dei tessuti, la comparsa di cellule purulente.
  • Ascesso. I linfonodi diventano morbidi, la pelle sopra di loro ha una tinta bluastra. Le formazioni sono molto dolorose.
  • Svishcheva. Un ascesso si rompe, il paziente si sente meglio, ma il pus rilasciato spesso causa complicazioni.

Misure diagnostiche

Il successo del trattamento è influenzato da una diagnosi tempestiva, farmaci prescritti correttamente. La difficoltà sta nel fatto che i sintomi della malattia sono simili ad altre malattie. Ad esempio, la tubercolosi dei linfonodi sotto le ascelle è molto difficile da diagnosticare. I linfonodi con la tubercolosi sono densi, ingrossati. Ma i sintomi comuni sono simili alle malattie dell'articolazione della spalla. In questo caso, la radiografia è fondamentale per fare la diagnosi.

Le misure diagnostiche includono:

  • analisi del sangue clinico e biochimico;
  • analisi delle urine;
  • Test di Mantoux;
  • analisi dell'espettorato;
  • studi ormonali;
  • Ecografia addominale;
  • CT toracico;
  • Raggi X;
  • broncoscopia;
  • biopsia.

La diagnosi finale viene effettuata solo sulla base dell'esame microbiologico del campione dal linfonodo sul microsampione. Questa analisi viene eseguita in laboratorio.

Trattamento della tubercolosi linfatica

Il trattamento della tubercolosi linfonodale viene prescritto in base allo stadio della malattia.

  1. Per il primo stadio, solo il trattamento conservativo è caratteristico. Il linfonodo affronta l'infezione stessa, quindi la chirurgia non è necessaria, è persino pericolosa per una persona infetta.
  2. Nella seconda fase, anche la rimozione chirurgica è indesiderabile. La tubercolosi dei linfonodi è ancora suscettibile di trattamento conservativo, ma con difficoltà, a causa dell'ispessimento della capsula e delle masse caseose che impediscono al farmaco di penetrare nel nodo.
  3. Nella terza fase, il linfonodo non può più svolgere le sue funzioni. Ma il trattamento della tubercolosi può ancora aiutare.
  4. L'ultimo quarto stadio richiede un intervento chirurgico obbligatorio insieme a farmaci. La fistola deve essere maneggiata con cura. Masse necrotiche e purulente - completamente rimosse.

Le basi del trattamento sono antibiotici ad ampio spettro, farmaci specifici (Isoniazide, Metazid, Rifampicina, Etambutolo, Cicloserina, Amikacina). Oltre al trattamento terapeutico della tubercolosi dei linfonodi intratoracici, richiede fisioterapia, ginnastica respiratoria e farmaci immunostimolanti. Sono anche prescritti farmaci glucocorticoidi e vitamine. È importante completare il cibo ipercalorico con un alto contenuto di proteine ​​e vitamine.

La prevenzione delle malattie è un vaccino BCG. Mantoux o Diaskintest vengono testati annualmente nelle scuole materne e scolastiche. Ai bambini vengono fornite conversazioni preventive, presentazioni sull'igiene personale e familiarità con gli standard sanitari generali.

Trattamento della tubercolosi - consultazione phthisiatrician. sintomi

La tubercolosi dei linfonodi si riferisce a malattie infettive e infiammatorie. Rappresenta il 9% dei casi di manifestazioni extrapolmonari. È spesso preceduta dalla tubercolosi polmonare, sebbene la malattia possa anche manifestarsi da sola. Di solito colpisce diversi fasci di linfa allo stesso tempo: giugulare, sotto le mascelle e la laringe. Ma il processo può anche interessare i linfonodi localizzati sopra la clavicola, nella regione ascellare e nell'inguine.

Vale la pena considerare che il trattamento e i sintomi della tubercolosi linfonodale dipendono dallo stadio della malattia. A volte puoi cavartela con il tradizionale ciclo di chemioterapia. In alcuni casi è necessario un intervento chirurgico. L'auto-guarigione è molto rara.

sintomi

Uno dei sintomi principali che fa sospettare la presenza di tubercolosi è un aumento delle dimensioni dei linfonodi. Colpendo il bersaglio, la bacchetta provoca un sigillo. Un tale linfonodo non può essere trascurato. Diventa elastico e mobile. Le dimensioni possono raggiungere 1 cm. Quando viene premuto, di solito non c'è disagio o dolore. In questo caso, il paziente può sperimentare sudorazioni notturne e notturne, un aumento della temperatura corporea. Prestazioni ridotte, c'è una rapida stanchezza, c'è una mancanza totale o parziale di appetito. Se non trattata, la tubercolosi progredisce. I linfonodi diventano dolorosi quando vengono toccati. Questo è dovuto al processo adesivo. Nei linfonodi inizia a sviluppare la fibrosi. Le cellule purulente si sviluppano in necrosi caseosa. I bastoncini continuano a moltiplicarsi. Ci sono escrescenze con fistole purulente. In questa fase, la tubercolosi linfonodale è considerata la più pericolosa. La pelle attorno al linfonodo diventa sottile. Si rompe e il pus esce. Quando la fistola si rompe, la temperatura corporea inizia a tornare alla normalità. Si forma una cicatrice sul sito dell'area interessata. Se il pus non è completamente fuori dal linfonodo, la malattia assume una forma cronica, in cui si verificano periodicamente esacerbazioni. Se il linfonodo non si rompe, la formazione del pene caseoso inizia a calcinare.

Trattamento della tubercolosi linfonodale

Quando viene diagnosticato un paziente, viene prescritto un corso di chemioterapia composto da 4-6 farmaci antitubercolari. La sua durata dipende dal regime di trattamento e varia da 6 a 20 mesi. La tubercolosi linfonodale, una malattia indipendente, non è contagiosa. Il pericolo di infezione esiste solo quando il linfonodo si rompe. Il corso del trattamento consiste in una fase intensiva e una fase di continuazione. SE dura da 2 mesi e OP - da 4.

Trattamento patogenetico

Durante il corso della chemioterapia, al paziente vengono prescritti farmaci aggiuntivi che aiutano a eliminare o ridurre la manifestazione di reazioni avverse. Nel trattamento del primo regime chemioterapico, la piridossina viene prescritta come antidoto isoniazide. Per i primi problemi al fegato, possono essere prescritti epatoprotettori. Le condizioni di salute del paziente vengono regolarmente monitorate con l'ausilio di test: analisi delle urine generali, analisi del sangue e analisi del sangue biochimico. Come richiesto, al paziente può essere prescritto un consulto di un ENT, un oculista, un neuropatologo, uno psichiatra, un gastroenterologo e altri specialisti specializzati.

prospettiva

Con la rilevazione tempestiva e l'efficacia di un ciclo di chemioterapia, la prognosi è favorevole. In alcuni casi, può essere raccomandata la rimozione chirurgica dei linfonodi. Ma è importante ricordare che la ricaduta è possibile con la tubercolosi. Pertanto, è necessario mantenere uno stile di vita sano, prendersi cura di una dieta equilibrata, evitare il lavoro eccessivo e lo stress. Il rischio di recidiva dipende da molti fattori, tra cui la potenza del patogeno stesso. Non trascurare il trattamento spa e dimenticare i controlli regolari.

Tubercolosi linfonodale: sintomi e primi segni, diagnosi, trattamento

Mycobacterium tuberculosis può interessare il linfonodo di qualsiasi localizzazione, ma più spesso viene diagnosticata una tubercolosi intratoracica dei linfonodi.

La malattia dei linfonodi delle radici dei polmoni e il mediastino di eziologia tubercolare si chiama bronchoadenite tubercolare. Innanzitutto, la tubercolosi del micobatterio colpisce i linfonodi ilari paratracheali. Il processo patologico nel tessuto linfatico può svilupparsi indipendentemente o essere il risultato di un danno tubercolare ai polmoni. La diagnosi finale di tubercolosi dei linfonodi può essere stabilita solo con l'aiuto di specifici test di laboratorio e la conclusione degli istologi.

Qual è il sistema linfatico e la tubercolosi linfonodale periferica

Il sistema linfatico è una componente significativa della difesa immunitaria del corpo. Include fluido linfatico, vasi linfatici e nodi, milza, tonsille, timo, ecc.

I linfonodi sono costituiti da follicoli e contengono un'abbondanza di linfociti. La linfa viene filtrata attraverso i seni dei linfonodi, dove vengono rilevati e smaltiti organismi infettivi e corpi estranei. A seguito di una collisione con l'infezione da tubercolosi, i linfonodi vengono ingranditi infiltrandosi nel Mycobacterium tuberculosis. L'immunità cerca di liberarsi degli agenti patogeni, nel processo della fagocitosi si formano le masse caseose.

In tutti i tessuti, tranne linfoide, l'infezione tubercolare provoca inizialmente la formazione di tubercoli tubercolari, i linfonodi con lesioni da tubercolosi aumentano di dimensioni a causa della produzione attiva di linfociti. E solo se il corpo ha fallito, si formano granulomi.

La lesione tubercolare dei linfonodi, come patologia indipendente, si sviluppa quando il micobatterio viene iniettato, per esempio, con aria attraverso le membrane mucose del rinofaringe. Successivamente, la sedimentazione avviene nei linfonodi cervicali, senza danneggiare gli organi interni.

Allo stesso modo, a contatto con l'agente patogeno, si può sviluppare tubercolosi dei linfonodi ascellari, sottomandibolari o inguinali, a volte si registrano danni a diversi gruppi di tessuto linfoide.

Si noti che la tubercolosi dei linfonodi periferici senza danno interno agli organi viene diagnosticata in rari casi.

L'infezione isolata del tessuto linfoide della cavità addominale si sviluppa sullo sfondo della penetrazione dei batteri della tubercolosi dall'intestino, di norma le patologie sono suscettibili alle persone con significativa soppressione del sistema immunitario (infezione da HIV, intossicazione cronica, farmaci immunosoppressori, radiazioni, ecc.). In vivo, questa diagnosi è raramente stabilita.

La tubercolosi dei linfonodi può non manifestarsi per anni o, al contrario, i sintomi e i segni sono inizialmente luminosi. Dipende dalle capacità funzionali del sistema immunitario, dall'età e dalle comorbilità. Se i linfociti e altre cellule immunocompetenti frenano la moltiplicazione del bacillo tubercolare, lo sviluppo dell'infezione non si verifica. Ma dopo un certo periodo di tempo (settimane o addirittura anni) le possibilità di immunità sono esaurite. Le tossine secrete dal patogeno della tubercolosi portano allo sviluppo di un processo infiammatorio, si formano delle protuberanze attorno ai bacilli, la forma granulosa invece del tessuto normalmente funzionante. Dal linfonodo si trova una capsula, che contiene un'enorme quantità di microrganismi patogeni. Ci sono 2 possibili scenari: nel primo caso, l'immunità cadrà comunque, e si verificherà lo sviluppo inverso del granuloma, con conseguente formazione di tessuto connettivo (cicatrice). Nel secondo caso, un nodo enorme (fino a 10 cm) prima o poi si romperà con la formazione di una fistola, passando attraverso i processi di necrosi, caseosi e formazione di ascessi. Questo può portare a un'infezione tubercolare della pelle.

La fusione purulenta dei linfonodi colpiti in un singolo conglomerato comporta intossicazione, perforazione e schiacciamento degli organi vicini. Ecco perché si sviluppano complicanze della tubercolosi dei linfonodi e della sindrome del dolore.

Inizialmente, il linfonodo con una lesione tubercolare è denso, mobile, ingrandito, non saldato alla pelle e palpabile indolore. Quando si forma un ascesso, appaiono ammorbidimento, cianosi e dolore. Mentre cresce e colpisce l'organo vicino, appaiono il dolore e la clinica corrispondente. Pertanto, con la tubercolosi dei linfonodi cervicali, dovuta alla compressione dell'esofago, compaiono disturbi di deglutizione e, se le strutture linfoidi intratoraciche sono colpite, una tosse hacking viene disturbata.

Considerare i sintomi e i segni della tubercolosi dei linfonodi ilari.

Sintomi e primi segni di tubercolosi dei linfonodi intratoracici

Segni di intossicazione generale:

A volte i pazienti si lamentano di insonnia, irritabilità.

Uno dei principali segni con cui si può sospettare la tubercolosi dei linfonodi intratoracici è considerato una tosse bitonale.

I bronchi comprimono i linfonodi ingrossati, che contengono la massa caseosa, che provoca il riflesso della tosse. Questo sintomo è più comune nei bambini, poiché negli adulti la compressione del bronco si trova solo nel caso di un lungo decorso della malattia. L'aspetto della tosse bitonale è a favore della progressione del processo patologico. Per gli adulti, la presenza di tosse parossistica iniziale, che si verifica sullo sfondo di irritazione della mucosa bronchiale o durante la formazione della fistola broncopolmonare, è più caratteristica. Nei bambini, il tessuto linfoide colpito aumenta rapidamente di dimensioni, provocando il soffocamento. In questo caso, i seguenti punti sono degni di nota:

  • cianosi della pelle;
  • respirazione intermittente;
  • mancanza di aria;
  • gonfiore delle ali del naso;
  • spaziatura intercostale.

Cambiare la posizione del corpo nello spazio porta a sollievo dai sintomi, quindi a volte basta girare il bambino sullo stomaco.

Misure diagnostiche

Le lesioni interne del tessuto linfoide durante l'esame normale non sono visibili, quindi più spesso il sospetto del processo patologico appare dopo l'esame strumentale.

La linfoadenopatia può accompagnare raffreddori, mal di gola, carie, ecc. Un ingrossamento del nodo sottomandibolare o cervicale è una reazione difensiva comune a un incontro con un agente patogeno, quindi non si dovrebbe sospettare l'eziologia della tubercolosi in questo sintomo. Di regola, durante il trattamento, in 2 - 3 settimane la condizione del nodo scompare.

La maggior parte dei pazienti nell'analisi generale del sangue non ha cambiamenti significativi. Se si verifica una rottura dei tessuti interessati e una rottura delle masse necrotiche caso-coscienti nel polmone, si nota un aumento del livello dei leucociti e una VES accelerata.

Con la diagnostica specifica del biomateriale risultante (espettorato, contenuto dello stomaco, muco bronchiale), viene secreto il micobatterio tubercolosi.

Se si sospetta la tubercolosi del linfonodo periferico, prestare attenzione alla sua reazione (dolore locale, arrossamento, febbre, cambiamento di colore) dopo il test alla tubercolina.

Ultrasuoni e TC aiutano a stabilire lo stadio di necrosi o ascesso nei linfonodi.

La diagnosi viene verificata solo dopo una biopsia, quando la citologia conferma la presenza di cellule specifiche.

Vi è evidenza che la tubercolosi dei linfonodi nel 70% dei casi è accompagnata da infezione da HIV.

Sulla radiografia, l'immagine è rappresentata da ombre tonde o ovali asimmetriche. L'alternanza di aree di diversa densità ricorda una mora.

I raggi X rivelano la presenza di strutture linfatiche allargate, ma non daranno una risposta sulla ragione del loro aspetto.

Diagnostica differenziale

Considerare ciò che viene effettuato per diagnosticare la tubercolosi dei linfonodi interni e periferici.

Va notato che la linfoadenite toracica può essere di qualsiasi eziologia.

Elenchiamo le malattie in cui sintomi e segni sono simili alla tubercolosi dei linfonodi toracici:

  1. la malattia di Hodgkin. A differenza della linfadenite tubercolare, le lesioni dei linfonodi sono simmetriche, i nodi stessi sono nettamente ingranditi e non fusi ai tessuti adiacenti. Il test della diaskina e la reazione di Mantoux sono negativi o debolmente positivi. In generale, un esame del sangue è determinato da un livello ridotto di emoglobina, un numero maggiore di leucociti e neutrofili, una diminuzione dei linfociti. L'uso di antibiotici non fornisce alcuna dinamica positiva. Per confermare la diagnosi, viene eseguita una biopsia, secondo la quale viene fatta la diagnosi della malattia di Hodgkin.
  2. Sarcoidosi di Binier-Beck-Schaumann. In questa malattia si verifica anche la modificazione del linfonodo. La patologia è più probabile che si verifichi nelle donne di età compresa tra 20 e 40, mentre il benessere generale non soffre, anche se i cambiamenti patologici sono stati presenti per lungo tempo. I farmaci antibatterici sono inutili.
  3. Processi oncologici nei polmoni. Nei pazienti adulti, la diagnosi di tubercolosi dei linfonodi toracici viene effettuata con linfosarcoma e processi metastatici del carcinoma centrale.

Quanto segue è caratteristico del processo oncologico:

  • il cancro del polmone si sviluppa più frequentemente negli uomini anziani;
  • presenza di dolori al petto intensi;
  • i linfonodi succlavia vengono ingranditi se il processo ha raggiunto lo stadio metastatico.

La risposta finale e la natura della patologia danno una biopsia.

In generale, l'analisi del sangue ESR raggiunge 65 - 70 mm / h, leucocitosi. La diagnosi di tubercolina non conferma l'eziologia tubercolare.

Nelle radiografie per il cancro del polmone, viene visualizzato un oscuramento intensivo con contorni irregolari. La tomografia computerizzata mostra un'ombra che si protende nel lume del grande bronco, un aumento del tessuto linfoide circostante.

Nel linfosarcoma, il dolore, la tosse e i sintomi generali sono più pronunciati. Il processo patologico colpisce rapidamente l'intero tessuto linfoide: alla palpazione le formazioni ingrandite sono dense e indolori.

Diffdiagnosi dei linfonodi periferici ingrossati

Linfoadenopatia dei linfonodi periferici, con esistenza a lungo termine, assenza di una reazione agli antibiotici e manifestazioni cliniche - l'indicazione per la biopsia.

A seconda del luogo di comparsa dei linfonodi ingrossati / linfonodi, viene condotto un esame.

La ragione per un linfonodo periferico ingrandito, oltre a una lesione tubercolare, può essere qualsiasi cosa: da una metastasi a distanza (processo di un tumore maligno) a una reazione all'infiammazione di un'eziologia specifica o non specifica. Ad esempio, il tumore al seno spesso metastatizza ai linfonodi ascellari e cervicali, il tumore del retto all'inguine. La gonorrea, la sifilide e le malattie infiammatorie non specifiche dell'area urogenitale sono spesso complicate dalla linfadenite inguinale.

Quali possono essere le complicazioni della tubercolosi dei linfonodi del torace?

Prima di tutto, è una massiccia fibrosi basale e un'infezione dormiente in ampi linfonodi calcificati, che possono ripresentarsi se il sistema immunitario diminuisce.

Se la terapia eseguita è stata efficace, sulla radiografia vengono visualizzate aree insignificanti di calcinato e densificazione della radice polmonare. Le complicanze della malattia del linfonodo tubercolare comprendono l'ostruzione del lume bronchiale, il collasso del polmone, la rottura del linfonodo nel bronco, la pleurite interlobulare, la polmonite, la mediastinite, l'empiema, il pneumotorace, ecc.

Il processo cronico è complicato dalla disseminazione linfatica dei polmoni, più spesso dai loro lobi superiori.

Trattamento della tubercolosi linfatica

Danni ai linfonodi possono essere 2 opzioni: forma infiltrativa e tumore. Più spesso, gli esperti si trovano ad affrontare forma infiltrativa di bronchoadenitis. Con una terapia opportunamente selezionata e tempestivamente avviata, il processo patologico viene rapidamente risolto, sulla radiografia dei tipici siti di calcificazione, i linfonodi coinvolti nel processo non possono essere alterati per formare un tessuto cicatriziale denso durante il processo di trattamento.

Forma del tumore più comune durante l'infanzia, quando il bambino si trova di fronte a una massiccia infezione da tubercolosi sullo sfondo di una ridotta immunità. I linfonodi subiscono cambiamenti caratteristici, ma oltre a questo, spesso il processo è complicato da danni agli occhi, alle ossa e alla pelle.

La forma del tumore è più difficile da trattare e il processo di riassorbimento del tessuto linfoide richiede più tempo. La linfadenite tubercolare è limitata alla capsula, le masse caseose spesso subiscono calcificazioni.

Durante la tubercolosi dei linfonodi si distinguono 4 fasi di sviluppo (proliferazione, necrosi e caseosi, ascesso, fistole), quindi, per ogni stadio ci sono diversi principi di trattamento.

Fase proliferativa non implica un intervento chirurgico, il trattamento è solo conservativo. La rimozione del linfonodo priverà il corpo del sistema immunitario di questa difesa.

in secondo stadio con lo sviluppo della necrosi caseosa si avvicinano molto attentamente all'intervento chirurgico, poiché la terapia conservativa a questo stadio a volte dà buoni risultati, e si spera che alcuni dei tessuti del nodo stiano ancora funzionando. Per la chirurgia è ricorso in assenza di una tendenza positiva dall'assunzione di droghe. Un ostacolo alla penetrazione nel centro dei farmaci è una capsula fibrosa addensata.

Tubercolosi dei linfonodi in La terza fase è la trasformazione purulenta del tessuto linfoide., con una capsula conservata che continua a delimitare l'attenzione patologica, ma non è più in grado di impedire la penetrazione dei prodotti di degradazione nella circolazione sistemica.

L'operazione è giustificata con il pretesto di antibiotici anti-tubercolosi, non c'è altro modo di affrontare l'intossicazione e il dolore in questa fase.

Formazione di fistola tubercolare - L'esito più sfavorevole della tubercolosi dei linfonodi, l'escissione chirurgica del tessuto interessato viene eseguita, vengono utilizzati farmaci anti-tubercolari e viene effettuato il trattamento locale con loro.

Gli antibiotici con attività contro il Mycobacterium tuberculosis sono considerati i farmaci di scelta, sullo sfondo dei quali lo stato di salute e le condizioni migliorano piuttosto rapidamente. Rifampicina, Isoniazide, Pirazinamide sono prescritti più frequentemente, fino a 6 mesi. Se necessario, ripetere il corso della terapia.

Un certo ruolo è assegnato al trattamento sanatorio-resort, alla terapia vitaminica, all'alimentazione ipercalorica con un alto contenuto di sostanze biologicamente attive, proteine ​​e carboidrati "veloci".

È importante smettere di fumare e bere alcolici, dedicare tempo sufficiente per riposare.

Mishina Victoria, urologa, revisore medico

7.136 visualizzazioni totali, 14 visualizzazioni oggi